Widgets Magazine
04:22 21 Luglio 2019
OPEC. (File)

Segretario generale OPEC: ci saranno colloqui con i produttori di olio di scisto USA

© AFP 2019 / Ryad Kramdi
Mondo
URL abbreviato
211

Il segretario generale dell'OPEC Mohammed Barkindo ha riferito che entro il 2017 si terranno i prossimi colloqui con le aziende produttrici di petrolio americane.

"Nel corso dell'anno ci incontreremo di sicuro" ha detto ai giornalisti il segretario, che  prevede di incontrare i produttori di olio di scisto americani. Barkindo ha anche ricordato il suo incontro a Houston a marzo, che si è rivelato produttivo.

L'OPEC è l'organizzazione di paesi che non hanno concordato alla fine del 2016 a Vienna la riduzione della produzione di petrolio, intorno a un 1,8 milione di barili al giorno, 300mila dei quali ricadono sulla Russia. L'accordo è stato concluso nel primo semestre del 2017. A maggio la data di scadenza è stata prorogata di nove mesi, fino alla fine di marzo 2018.

Gli esperti ritengono che i produttori americani di olio di scisto, aumentando in queste condizioni la loro quantità, percorrano una strada autodistruttiva e possano far affondare il mercato dell'"oro nero".

Il presidente della società di consulenza FGE Fereydoon Fesharaki ha detto a giugno all'agenzia Bloomberg, che la crescita della produzione di petrolio in USA è folle, la produzione aumenta in modo sconsiderato e nessuno pensa alle conseguenze.

L'esperto ha osservato che la produzione di petrolio americano da dicembre dello scorso anno fino a dicembre 2017 potrebbe aumentare di circa 800mila barili al giorno. Questo rende impossibile la missione dell'OPEC di sostegno del mercato dell'"oro nero" e di stabilizzazione dei prezzi tra 50 e 60 dollari al barile.

Correlati:

Libia, NOC: La Russia ha cominciato ad acquistare petrolio con 1 o 2 spedizioni al mese
Libia, aumenta produzione petrolio per la prima volta in 4 anni
Russia, Novak: nessun piano per incontrare produttori Usa di petrolio di scisto
Tags:
olio di scisto, Petrolio, Caso petrolio, OPEC, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik