13:21 19 Luglio 2018
Quartiere generale dell'emittente Al Jazeera a Doha, la capitale di Qatar.

Emirati Arabi inviano all'ONU una richiesta per chiudere la tv Al Jazeera

© AFP 2018 / KARIM JAAFAR
Mondo
URL abbreviato
710

Le autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno inviato un messaggio all'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Raas al-Hussein.

Lo riferisce l'agenzia degli Emirati WAM. Il messaggio prende le difese delle richieste di alcuni paesi arabi che chiedono la chiusura dell'emittente del Qatar Al Jazeera.

Nella lettera del ministro degli Emirati per gli Affari Esteri Anwar Garash si afferma che il diritto alla libertà di espressione ha dei limiti collegati alla protezione della sicurezza nazionale e ordine pubblico. "La libertà di parola non può essere utilizzata per giustificare e proteggere la diffusione dell'estremismo" ha detto il ministro.

In precedenza il Commissariato supremo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha definito i requisiti di chiusura di Al-Jazeera e dei media ad essa affiliati, come un "inaccettabile attacco al diritto della libertà di parola e di credo".

A titolo di esempio, come incitamento all'estremismo del canale di Al-Jazeera, le autorità degli Emirati hanno citato la diffusione del discorso dell'ex capo di Al-Qaeda, Osama bin Laden, del leader del movimento libanese Hezbollah, Hassan Nasrallah, di uno dei leader del movimento palestinese di Hamas, Khaled Mashaal e altri.

Inoltre, viene ricordato il ruolo di Al-Jazeera nell'appello di vendetta ai musulmani per la pubblicazione delle vignette sul Profeta Maometto, nonché interventi in onda del leader islamico Youssef al Kardavi, considerato radicale.

Correlati:

Arabia Saudita, le autorità ordinano chiusura della sede locale di Al Jazeera
Al Jazeera: in Siria Trump ha dimostrato di non agire sotto i diktat del Cremlino
Al Jazeera: Rouhani ha accusato gli Stati Uniti di "ignoranza" in Medio Oriente
Tags:
chiusura, richiesta, chiusura, al Jazeera, Qatar, Emirati Arabi
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik