06:28 23 Giugno 2018
Masha e Orso – i protagonisti del cartone animato russo

In Ucraina chiedono di vietare il cartone animato “Masha e Orso”

© Foto :
Mondo
URL abbreviato
89635

Un'organizzazione politica di Odessa, “Il consiglio della sicurezza pubblica”, ha invitato il governo ucraino a vietare la trasmissione del cartone animato russo “Masha e Orso”. Secondo gli attivisti, incarna “orribili idee propagandistiche” e “deforma la conoscenza dei bambini”.

Nel messaggio pubblicato sul sito del consiglio si dice che i membri dell'organizzazione hanno già invito un appello ufficiale al parlamento e alla commissione nazionale per le questioni sociali e morali.

"Bisogna immediatamente vietare la trasmissione del cartone animato Masha e Orso su tutti i canali ucraini e i siti internet", si legge nel documento.

L'organizzazione pensa che il cartone animato "è l'incarnazione delle più orribili idee propagandistiche della Russia, già scoperte dagli esperti di Estonia e Lituania". Il cartone animato lancia un messaggio chiaro: l'orso, simbolo della Russia, è presentato come un protagonista grande e forte che "prende impunemente la proprietà, la casa, il terreno altrui".

In precedenza il Priit Hobemagi, docente presso l'università di Tallinn, ha definito "Masha e Orso" uno strumento per influenzare negativamente la mente dei bambini. I creatori del cartone non hanno voluto commentare questa dichiarazione.

Il cartone animato della "Animacord" è uscito nel 2009 e adesso gode di popolarità mondiale. I diritti di trasmissione sono stati acquisiti da Netflix, Turner (UK and Latin America), KIKA (Germania), France TV, Sony Music, NBC Universal, Televisa ecc. Su YouTube il cartone animato ha più di 1,7 miliardi di visualizzazioni.

Correlati:

Ucraina, NATO: Accordo su cessate il fuoco non tiene. Preoccupati per osservatori OSCE
Ucraina, Poroshenko: NATO ha accettato nostre proposte su piano d'azione per membership
Cybersecurity, la NATO rafforza le difese e aiuta l'Ucraina
Tags:
masha e orso, cartone animato, trasmissione, divieto, appello, Russia, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik