16:07 18 Luglio 2018
Benjamin Netanyahu

Israele spera che Russia e Usa non coinvolgano l’Iran nella tregua in Siria

© AP Photo / Tsafrir Abayov
Mondo
URL abbreviato
22439

Israele spera che Russia e Stati Uniti prenderanno in considerazione la sua richiesta di escludere le forze iraniane nell'organizzazione della tregua nel sud-ovest della Siria vicino ai propri confini nazionali. Lo ha dichiarato oggi il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Il premier israeliano ha fatto sapere di aver discusso già la questione in una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin e il segretario di Stato americano Rex Tillerson.

"Entrambi hanno detto di capire la posizione di Israele e prenderanno in considerazione le nostre richieste", ha detto Netanyahu in una riunione di gabinetto.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha confermato che Russia e Stati Uniti sono pronti a dichiarare un cessate il fuoco nelle province della Siria sud-occidentale di Deraa, Quneitra e Suwayda a partire da mezzogiorno di domenica 9 luglio.

Il primo ministro israeliano ha apprezzato la decisione di una tregua nelle zone di confine della Siria, se questa non coinvolgerà le forze filo-iraniane.

"Israele apprezzerà la tregua in Siria, se questa non comporta il consolidamento delle forze dell'Iran e dei suoi satelliti in Siria, in generale, e nel sud della Siria, in particolare", ha detto Netanyahu.

Correlati:

Daily Beast: Mosca e Washington non saranno capaci di trovare la via d'uscita per la Siria
Crimea, la fregata “Admiral Essen” è partita per la Siria
USA, il Dipartimento di Stato spiega le prospettive della tregua in Siria
Tags:
cessate il fuoco, richiesta, tregua, Situazione in Siria, Benjamin Netanyahu, Israele, Iran, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik