20:26 24 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
56410
Seguici su

La prospettiva di una tregua in Siria segnerebbe la fine della violenza e non darà privilegi a nessuna delle parti. Lo ha dichiarato ai giornalisti un alto funzionario del Dipartimento di Stato.

In una conferenza telefonica, i giornalisti hanno chiesto il motivo per cui, a suo avviso, il presidente siriano Bashar Assad ha accettato "una tregua che potrebbe rafforzare l'opposizione", dal momento che considera il leader legittimo del paese.

"L'idea della tregua non è quella di avvantaggiare qualcuno, ma di porre fine alle violenze e creare le vasi per la risoluzione politica del conflitto", ha detto il funzionario americano.

Dalle 12;00 di oggi nel sud-ovest della Siria entrerà in vigore il cessate il fuoco. Questa decisione è stata concordata ieri dal presidente russo Vladimir Putin e dalla sua controparte americana Donald Trump in una riunione avvenuta nell'ambito del vertice G20.

Correlati:

Russia-Usa, c'è l'accordo sul cessate il fuoco in Siria
Media: Israele vuole che gli USA controllino zona di de-escalation in Siria
Putin: le armi russe in Siria hanno dimostrato la loro efficacia
Tags:
Conflitto, risoluzione, tregua, Situazione in Siria, Dipartimento di Stato USA, Donald Trump, Vladimir Putin, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook