19:50 24 Maggio 2019
Missili Patriot americani in Polonia

Accordo tra Washington e Varsavia per consegne in Polonia dei lanciamissili “Patriot”

© AP Photo / Czarek Sokolowski
Mondo
URL abbreviato
18119

Il ministero della difesa nazionale polacco e il Pentagono hanno firmato un accordo per le consegne dei sistemi di difesa aerea Patriot, ha riferito il capo del dicastero militare della Polonia Antoni Macierewicz.

Il documento è stato firmato a Varsavia durante la visita del presidente statunitense Donald Trump.

Macierewicz ha specificato che gli armamenti destinati alla Polonia saranno equipaggiati con il più recente sistema di controllo del fuoco IBCS e le prime consegne inizieranno nel 2022. Per l'acquisto di 8 Patriot Varsavia ha pianificato di spendere non oltre 30 miliardi di zloty (circa 7,5 miliardi di dollari).

Secondo il ministro della Difesa, questi armamenti garantiscono alla Polonia "sicurezza di fronte a qualsiasi nemico" e "contrastano in modo efficace il lanciamissili russo" Iskander".

Macierewicz ha inoltre comunicato che di recente la Polonia ha scelto la società americana Lockheed Martin per la fornitura dei sistemi missilistici a lungo raggio "Homar".

In precedenza le autorità polacche avevano fatto sapere di contare sulla costante presenza nel Paese dei soldati della NATO e americani e di sistemi di difesa aerea.

Varsavia ha messo più di una volta in guardia i suoi alleati occidentali dalla "minaccia russa" che pende sui Paesi Baltici e la Polonia. Allo stesso tempo Mosca ha più volte sottolineato che la Russia non attaccherà mai nessun Paese della NATO.

Correlati:

Polonia pronta a comprare i lanciamissili americani Patriot contro la minaccia orientale
Polonia, via libera del ministro della Difesa all'ordine di 8 lanciamissili Patriot in USA
“Scudo anti-missile USA in Romania e Polonia minaccia la Russia”
Polonia: la Russia è la principale minaccia per la NATO
Tags:
Armi, Difesa, Sicurezza, Patriot, Pentagono, Antoni Macierewicz, Polonia, Europa orientale, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik