02:26 21 Febbraio 2018
Roma+ 4°C
Mosca-11°C
    Il primo ministro russo Dmitry Medvedev

    La Russia ha prolungato l’embargo alimentare

    © Sputnik. Aleksandr Astaphiev
    Mondo
    URL abbreviato
    4401

    Il primo ministro Dmitry Medvedev ha firmato il documento che prolunga il divieto d’importazione di alcuni tipi di prodotti agricoli, materie prime e generi alimentari dai paesi che hanno applicato le sanzioni alla Russia. Il decreto è stato pubblicato sul sito ufficiale del governo.

    Le restrizioni toccano gli Stati Uniti, i paesi della UE, Canada, Australia, Norvegia, Ucraina, Albania, Montenegro, Islanda e Liechtenstein. Le misure di risposta sono estese ad alcuni paesi "in base al grado del loro coinvolgimento nel regime delle sanzioni".

    In precedenza Medvedev ha sottolineato che un passo del genere è una misura forzata. In questo modo la Russia non solo protegge i suoi interessi nazionali, ma anche sostiene "un settore dell'economia molto importante". Secondo lui, gli agricoltori hanno chiesto più di una volta di prolungare le restrizioni contro la UE.

    I paesi occidentali hanno introdotto le sanzioni antirusse nel 2014 a causa della situazione in Ucraina e Crimea. Mosca in risposta ha limitato l'importazione degli alimentari da questi paesi. L'embargo include carne, salumi, pesci, frutta, verdura e latticini.

    L'Occidente collega la funzione delle sanzioni con la realizzazione degli accordi di Minsk. Mosca però ha dichiarato più di una volta che questa rivendicazione è assurda perché la Russia non partecipa alle azioni militari in Ucraina. La Russia ha anche definito improduttivo il dialogo attraverso le sanzioni.

    Correlati:

    Russia, ministro dell'Industria “compiaciuto” delle sanzioni occidentali
    Compagnie petrolifere USA preoccupate da sanzioni più pesanti contro la Russia
    Gli affari tra Germania e Russia sono in netta ripresa malgrado le sanzioni
    Tags:
    generi alimentari, Proroga, Prodotti agricoli, Embargo, Sanzioni, Dmitry Medvedev, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik