02:08 17 Luglio 2018
Sole

Minor attività magnetica minaccia il Sole secondo gli astronomi

NASA Goddard Space Flight Center
Mondo
URL abbreviato
6130

Le osservazioni sulle esplosioni nella superficie solare mostrano che il livello di attività magnetica al suo interno negli ultimi anni è diminuito in misura significativa ed ha raggiunto i minimi record, indicando cambiamenti potenzialmente irreversibili nel funzionamento del suo nucleo, si legge in un articolo pubblicato sulla rivista MNRAS.

"Gli ultimi picchi di attività solare sono al minimo storico e nel ciclo attuale il minimo è stato insolitamente lungo. Sarà molto interessante vedere se nel prossimo ciclo il minimo sarà come l'ultima volta o tornerà alla normalità. Anche se l'attività solare tornerà nella norma e quello che si è verificato sarà un evento isolato, allo stesso modo resterà di interesse sapere il motivo per cui è successo," — afferma Yvonne Elsworth dell'università di Birmingham (Regno Unito).

La Elsworth e i suoi colleghi hanno trovato i primi riscontri sul fatto che all'interno del Sole potrebbero verificarsi cambiamenti che influenzano il funzionamento del campo magnetico, che genera macchie ed esplosioni, studiando i dati delle attività solari raccolti dall'osservatorio dell'università di Birmingham dal 1985 ad oggi.

Durante questo periodo, come affermato dagli scienziati, tre cicli di attività solare sono cambiati a vicenda. Uno di loro, il 22esimo, è stato "normale", mentre gli ultimi due sono stati inaspettatamente deboli.

Osservando come le onde acustiche generate dai processi negli strati superiori del Sole si diffondono dal nucleo, gli scienziati hanno cercato di capire i cambiamenti della natura del funzionamento dei campi magnetici e le modalità di movimento del flusso di plasma generato da questi campi.

Perché sia accaduto, gli astronomi non lo sanno ancora, così come se continuerà nel corso del prossimo ciclo di attività, che prenderà il via tra 2 anni. Ora il numero di macchie sul Sole sta diminuendo e gli scienziati prevedono che questo numero possa aggiornare i minimi.

Se la tendenza in atto nel 24° ciclo si ripeterà, allora, secondo la Elsworth e i suoi colleghi, è possibile il ripetersi del "Minimo di Maunder", un periodo anomalo di attività molto scarsa sul Sole tra il 1645 e 1715, la cui esistenza è legata ad un lungo periodo di raffreddamento nel clima dell'inizio dell'era moderna.

Tags:
Terra, Cambiamenti climatici, Astronomia, Scienza e Tecnica, Spazio, Sole
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik