Widgets Magazine
09:09 12 Novembre 2019
La vista su Terra dalla luna

Astronomia: l’antica atmosfera della Luna

© Foto: astrogalaxy1.narod.ru
Mondo
URL abbreviato
831
Seguici su

Nei primi momenti della sua esistenza, la Luna era caratterizzata da una bizzarra atmosfera superdensa di vapori metallici, nei quali soffiavano venti supersonici, tracce dei quali potrebbero sopravvivere negli antichi "mari" del satellite si legge su arXiv.org.

"L'atmosfera della Luna è simile ad una rockstar. Aveva avuto una vita difficile, simile ad "un metallo pesante" ma come una rockstar molto rapidamente si è sfaldata e ha terminato la sua esistenza. Se riusciremo a capire come la Luna appariva in quel momento, riusciremo a comprendere quale sia l'atmosfera dei pianeti attorno alle nane rosse" ha dichiarato Parbal Saxena del Centro volo spaziale Goddard della Nasa a Greenbelt.

Negli ultimi 30 anni si è sempre pensato che la Luna si sia formata a seguito di una collisione Theia, un corpo protoplanetario con "l'embrione" della Terra. Lo scontro tra i due corpo celesti rilasciò numerosi frammenti nello spazio dai quali si è formata la Luna. La teoria dello scontro della proto-Terra con un grosso corpo celeste spiegherebbe la massa della Luna, la quale ha una bassa percentuale di metallo.

Tuttavia Theia avrebbe dovuto possedere una buona parte di questo materiale che costituisce la Luna. La composizione della Terra e della Luna è molto simile, fino ad avere le identiche percentuali di isotopi im molti metalli e altri elementi…

Recentemente gli astronomi hanno proposto una teoria abbastanza bizzarra che colmerebbe i buchi nella teoria dello scontro con la terra. Secondo questa teoria la giovane terra ruotava molto velocemente e si trovava di lato, come Urano, e lo scontro con Theia avrebbe rappresentato un freno per il suo asse. Uno scenario simile in linea di principio, sarebbe realistico, ma è improbabile che spingerà gli astronomi a cercare altre opzioni per la nascita della Luna, ad esempio, a seguito di una collisione della Terra con dei piccoli oggetti.

Secondo Saksen gli astronomi non sono solo interessati a come è nata la Luna ma anche a come appariva in passato. Studiare questo ci permetterà di capire perché la Luna oggi non ha l'atmosfera, quando ha perso il campo magnetico e spiegherebbe perché launa parte "nascosta" è notevolmente più semplice da vedere per noi che la parte che "guarda" la Terra..

Saxen ha creato un modello digitale con i suoi colleghi di una Luna giovane il quale ha rivelato come essa avesse un aspetto molto bizzarro in passato. Ad esempio si è scoperto che la Luna appena nata, grazie alla vicinanza alla Terra, era molto più calda, e che la sua atmosfera era composta non da gas ma da vapori di metalli: calcio, alluminio, ferro, magnesio, titanio e altre sostanze. Le temperature medie della Luna superavano il 1700° Celsius sulla superficie visibile dalla terra.

Grazie al fatto che sulla parte opposta della Luna la temperatura era al di sotto dei 150 gradi Celsius, su di essa si sviluppavano dei venti supersonici che superavano i 1000-1700 metri al secondo. Tutto questo rendeva la Luna simile ad un estremo esopianeta come quelli scoperti negli ultimi anni, come il pianeta "il pianeta di diamante" 55 Cnc e o " il pianeta di rubino" HAT-P-7b.

La Luna ha conservato queste condizioni per circa 400.000 anni, e i primi segni del suo declino sono apparsi 100 anni dopo la nascita della Terra. Le sue tracce, come dicono gli scienziati, si possono nascondere negli antichi "mari" lunari, giganteschi crateri, appaprsi ancora prima che il metallo sparisse dall'atmosfera.

Correlati:

Astronomia, scienziati russi captano un “singolare” segnale extraterrestre
Astronomia: il nono pianeta completa il censimento dei pianeti del sistema solare
I cinesi andranno sulla Luna con la tecnologia aerospaziale sovietica
Spazio, la sonda Cassini rivela condizioni di vita su luna di Saturno
Russia, per Roscosmos la missione sulla Luna è obiettivo prioritario prossimi 10-15 anni
Tags:
Scienza e Tecnica, Luna, Luna, NASA, Terra, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik