05:40 19 Novembre 2018
Estrazione di petrolio

Libia, aumenta produzione petrolio per la prima volta in 4 anni

© Sputnik . Ilya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
0 20

La Libia ha implementato i suoi piani per aumentare la produzione di petrolio al livello più alto negli ultimi anni. Lo riferisce Bloomberg citando una fonte vicina alla situazione.

La produzione di petrolio in Libia è aumentata a 1.005 milioni di barili al giorno. È il dato più alto dal 2013. Già lo scorso 30 giugno i media avevano riferito che la produzione libica di greggio aveva superato i 900 mila barili al giorno. Allo stesso tempo, è stato osservato che la produzione di petrolio avrebbe raggiunto presto il milione di barili al giorno.
Anche le esportazioni di petrolio dalla Libia sono aumentate in modo significativo nel mese di giugno. In questo mese dalla Libia sono partire 30 petroliere. Le spedizioni ammontano a circa 715.000 barili al giorno. Nel mese di maggio la cifra era al livello di 625.000 barili al giorno.
Uno dei motivi dell'aumento della produzione di petrolio in Libia è che la libica National Oil Corporation (NOC) si temporaneamente livellato le divergenze con Wintershall. E l'amministratore delegato della NOC Mustafa Sanalla prevede che la produzione sarà in grado di superare il milione di barili al giorno entro la fine di luglio. Sanalla ha inoltre promesso che durante il ripristino della produzione di petrolio cercherà di risolvere finalmente tutte le controversie giuridiche nel campo delle operazioni petrolifere.
Nel mese di giugno la produzione di petrolio è cresciuta anche in Nigeria. Grazie alla crescita della produzione di greggio in Libia e Nigeria le esportazioni dei paesi membri dell'OPEC, esenti dagli obblighi previsti da OPEC+ per la riduzione delle estrazioni di petrolio, sono aumentate di 400.000 barili al giorno. Questo livello era stato osservato prima della conclusione dell'accordo sulla limitazione della produzione di petrolio.

In Libia si trovano le riserve di petrolio più grandi in Africa. Questo indice arriva fino a 48 milliardi di barili. Nel 2011 è cominciato il conflitto militare tra l'esercito governativo e i rebelli. Il 19 marzo 2011 è inziata l'operazione militare estera contro Muammar Gheddafi, alla quale hanno partecipato le forze armate di Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti, Canada, Belgio, Italia, Spagna e Danimarca. Alla fine Gheddafi è stato ucciso e il paese è sprofondato nella guerra civile. La produzione e l'esportazione di petrolio si sono ridotte notevolmente. Dal dicembre 2014 i porti lavorano in modo instabile perché spesso sono occupati dagli islamisti radicali.

In Libia nello stesso tempo funzionano il parlamento eletto alle elezioni generali, che si trova a Tobruk, vicino Bengasi, e il Congresso generale nazionale di Tripoli.

Dopo numerose difficoltà è stato possibile creare a Tripoli, con il sostegno dell'ONU, un governo di consenso nazionale, però il parlamento dell'est non lo ha appoggiato. Tutto questo si riflette negativamente sull'industria libica del petrolio.

Correlati:

Esperto: l'Egitto ha il pieno diritto di intervenire militarmente in Libia
Continua a crescere la tratta di esseri umani in Libia
Le mail della Clinton rivelano il vero motivo dell’intervento in Libia
Tags:
crescita, estrazione, Esportazioni, Petrolio, OPEC, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik