04:15 19 Ottobre 2018
Sergei Lavrov e Sigmar Gabriel

Der Spiegel: Lavrov e Gabriel iniziano in armonia e finiscono con toni accesi

© Sputnik . Iliya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
20827

I ministri degli esteri tedesco e russo si sono incontrati a Krasnodar in una conferenza congiunta la quale è iniziata con toni pacati e si conclusa con un aspro scambio di parole, scrive Der Spiegel. Durante l’incontro tra Sergey Lavrov e Sigmar Gabriel è chiaramente emersa la discrepanza tra le posizioni dei due paesi.

Il Ministro degli affari esteri della Germania Sigmar Gabriel si è recato a Krasnodar per una conferenza per parlare con i lsuo collega comuncica lo Spiegel. Dopo l'incontro pianificato il Ministro incontrerà Vladimir Putin a Mosca.

Sergey Lavrov e Sigmar Gabriel hanno proferito dei brevi discorsi. Gabriel ha elogiato la comprensione reciproca tra le nazioni, ha raccontato di come si sia recato a Mosca e a San Pietroburgo in epoca sovietica nell'ambito di un programma di scambio studentesco, e ha ricordato le distruzioni a Krasnodar e gli orrendi crimini della Wehrmacht nella seconda guerra mondiale commessi contro la popolazione civile. All'inizio di giugno Gabriel ha visitato San Pietroburgo dove ha adagiato dei fiori presso un memoriale.

Come si legge nell'articolo l'incontro è iniziato in armonia, tuttavia successivamente Lavrov e Gabriel si sono recati nella camera della conferenza stampa. Dopo le domande sulla NATO, la Siria e Mosca l'incontro si è trasformato in un secco scambio di parole nel quale è emersa la discrepanza delle posizioni dei due paesi.

Lavrov è,"che è temuto per la sue dettagliate e lunghe obiezioni alle conferenze stampa", si è espresso con prolisse accuse contro la politica dell'Occidente nei confronti della Russia, sostiene il Der Spiegel. Si è riferito principalemente al presunto attacco con armi chimiche a Khan Sheykun del 4 aprile presumibilmente autorizzato da Bashar al-Assad e sostenuto da Mosca. Successivamente Lavrov ha parlato delle recenti dichiarazioni del governo degli Stati Uniti secondo le quali Assad stia preparando un nuovo attacco chimico. Da queste "provocazioni" potrebbero beneficiare gli estremisti che alla fine addosseranno la responsabilità di quanto è successo all'esercito siriano, ha avvertito il Ministro degli esteri russo.

Gabriel dunque si è comportato letteralmente come se lui avesse già sentito tutto questo, segnala la testata. Questo è il suo terzo incontro con Sergei Lavrov, e si rivolgono l'uno all'altro con il "tu". Durante l'ultima riunione dei Ministri degli esteri a Mosca nel mese di marzo, i giornalisti hanno già avuto la possibilità di osservare il loro battibecco. A Krasnodar questo scambio di invettive è continuato in modo pacato, scrive la rivista tedesca.

"Permettetemi di fare un paio di commenti sulla questione", ha detto Gabriel, dopo che Lavrov ha concluso il suo discorso circa gli eventi in Siria. "Per noi non c'è dubbio che questo attacco sia stato commesso dal regime siriano", ha dichiarato il Ministro tedesco, definendo Assad un criminale di guerra. Gabriel ha sottolineato che con il presidente siriano sia necessario negoziare, ma che tuttavia "noi sicuramente non lo riteniamo qualcuno che meriti  una protezione speciale". Il Ministro degli esteri tedesco ha rimproverato il collega russo di presentare Assad un uomo pacifico e accusato ingiustamente.

Lavrov ha ascoltato con serietà Gabriel, e il Ministro tedesco ha diplomaticamente aggiunto che Ministro degli esteri russo è un uomo dalle chiare posizioni e che dunque con lui è facile condurre una discussione.

Come si dice nell'articolo, in una conferenza stampa Lavrov ha toccato il tema della presenza della NATO ai confini esterni della Russia e ha sottolineato che la rotazione delle truppe dell'alleanza in realtà rappresenta una presenza militare permanente. Egli ha anche ricordato che la NATO ha respinto la proposta della Russia "mettere le carte in tavola" e di chiarire esattamente da che parte la NATO intenda schierare le sue forze. Gabriel, in risposta, ha espresso il parere che l'affermazione di Lavrov sulla necessità di sostenere l'iniziativa russa "abbia come minimo il diritto di esistere". Inoltre, queste misure non devono essere necessariamente considerate pienamente sufficienti, ma che "è necessario discuterne", ha detto il Ministro degli esteri tedesco. Per quanto riguarda la presenza della NATO nei paesi baltici, ha sottolineato la la divergenza dei punti di vista. Secondo Gabriel 4000, 5000 militari dell'alleanza non possiedono il potenziale per condurre un attacco. "Credo che la Russia sia presente nell'area in maniera decisamente più massiccia" ha aggiunto.

Successivamente il Ministro tedesco ha espresso la speranza che al G20 ad Amburgo il presidente americano e quello russo discuteranno della situazione in Ucraina. Come scrive il Der Spiegel, attualmente la tregua "tra ucraini e russi nel Donbass" è dovuta "al raccolto estivo". Secondo Gabriel, la "tregua a causa per il pane è un buon segno" ma deve essere rispettato anche successivamente. Lavrov in risposta a questo, ha sottolineato, che gli accordi di Minsk vengono rispettati.

In conclusione di questa "insolita" conferenza stampa, Sergey Lavrov ha spiegato che in diplomazia, come nella vita, la rabbia e il fastidio non aiutano a raggiungere il risultato. Ha definito il suo collega dalla Germania come una persona pragmatica, con il quale è possibile condurre un dialogo su un piano di parità e che si basa su simili interessi, scrive la rivista tedesca.

Correlati:

Germania, a Forum San Pietroburgo partecipa ministro degli Esteri Gabriel
Gabriel: patto con Iran è il miglior modo per impedirgli la costruzione di armi nucleari
Sigmar Gabriel discute con Lavrov la situazione in Siria dopo l’attacco americano
Russia, Lavrov: 50 paesi vogliono cooperare con l'Unione economica eurasiatica
Russia: Lavrov sarà nelle Filippine ad agosto, Medvedev a novembre
Tags:
Relazioni Internazionali, Diplomazia Internazionale, relazioni diplomatiche, Diplomazia, incontro, Conferenza stampa, Der Spiegel, NATO, Sigmar Gabriel, Sergej Lavrov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik