06:15 23 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
2078
Seguici su

I presidenti della Bulgaria e delle Romania, rispettivamente Rumen Radev e Klaus Iohannis, dopo un incontro a Bucharest hanno dichiarato delle relazioni amichevoli con la Russia, nonostante entrambi i paesi siano membri dell’Unione Europea e della NATO, comunica l’agenzia Associated Press.

Mercoledì il Consiglio d'Europa ha ufficialmente confermato la proroga delle sanzioni economiche contro la Russia fino al 21 gennaio 2018.

"I canali con la Russia vanno lasciati aperti in modo da consentire un dialogo sincero e aperto che aiuterà a ridurre la tensione e i rischi" ha detto Radev. Il presidente bulgaro ha anche osservato l'importanza della Russia nella creazione di una rete energetica alternativa, che garantisca la sicurezza e dei bassi prezzi sul consumo d'energia.

Iohannis a sua volta ha risposta alle critiche di Mosca dichiarando che la collocazione di elementi difensivi antimissile americani in Romania minacciano la sicurezza della Russia. Il leader rumeno ha ripetuto che la base americana in USA ha carattere puramente difensivo".

La Russia ha dichiarato diverse volte che reagirà adeguatamente all'estensione delle infrastrutture militari della NATO.

Correlati:

“Scudo anti-missile USA in Romania e Polonia minaccia la Russia”
Romania, Iohannis: con la Russia serve dialogo e contenimento
La NATO ha un piano sulla "Grande Romania"
Bulgaria, Radev favorevole all’abrogazione delle sanzioni UE contro Mosca
Russia supera Turchia e Bulgaria in competitività nel settore turistico
Wall Street Journal svela piano di Mosca per vittoria socialisti filorussi in Bulgaria
Tags:
Unione Europea, Relazioni Internazionali, relazioni bilaterali, relazioni diplomatiche, Relazioni con la Russia, NATO, Rumen Radev, Klaus Iohannis, Romania, Bulgaria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook