12:58 26 Giugno 2019
Hacker

Il virus informatico Petya si diffonde in Europa

© Fotolia / Apops
Mondo
URL abbreviato
3122

Il virus-ricattatore Petya è arrivato in Polonia ed Estonia.

In Estonia sono stati chiusi i negozi di materiali di costruzione della catena Ehituse ABC, di proprietà della società francese Saint-Gobain, ha riferito uno dei dirigenti dell'azienda Anton Kutser.

"Ora ci occupiamo della risoluzione del problema. Abbiamo sistemi informatici localizzati per la protezione dei dati informativi. Una volta che il problema sarà risolto, avviseremo i clienti. Ora tutti i punti vendita di Ehituse ABC sono chiusi," — il portale Delfi riporta le parole di Kutser.

In Polonia il virus ha creato problemi alle aziende del settore logistico. Sono state attaccate le piccole imprese e i centri di servizio. Il portale niebezpiecznik.pl ha osservato che "nessuno deve quindi sentirsi al sicuro." Ha confermato gli attacchi il direttore del dipartimento della sicurezza informatica della società Exatel. Secondo lui, la scala di quello che è successo non è ancora chiara. Nel frattempo il primo ministro Beata Szydlo ha convocato una riunione di emergenza a seguito del maxi attacco informatico.

Nel frattempo la Microsoft sta cercando di far luce sulla diffusione del nuovo virus, è stata creata una task force di supporto per assistere tempestivamente gli utenti interessati, ha detto a Sputnik la portavoce della sede russa della società Kristina Davydova.

Ieri è partito un attacco globale su larga scala con il virus informatico Petya.

Il virus disattiva il computer e chiede 300 dollari in bitcoin per riprendere a lavorare. L'attacco è cominciato verso le 11 di ieri. Secondo la società antivirus Eset, il cyberattacco è iniziato dall'Ucraina, dopodichè si è diffuso in altri Paesi.

Correlati:

Virus informatico “Petya” attacca società russe e ucraine
Tags:
Informatica, hacker, cyberattacchi, Europa, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik