09:27 22 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 24°C
    La situazione in Siria dopo l'attacco USA

    Der Spiegel: lo scontro tra superpotenze è vicino

    © Sputnik. Michail Voskresensky
    Mondo
    URL abbreviato
    455445287

    “Nel momento in cui nel conflitto in Siria si sono intromesse molte aviazioni, nei cieli del Medio Oriente c’è il caos".

    "La Russia con la dichiarazione inequivocabile di voler tenere sotto tiro gli obiettivi vicino i territori controllati da Damasco indica che essa vuole ritagliare per lo spazio aereo russo una zona esclusiva di responsabilità" ha detto l'analista politico del tedesco Der Spiegel, Christian Ash.

    Tuttavia il tentativo di imporre un ordine potrebbe trasformarsi in uno scontro tra gli aerei USA e russi, anche non intenzionale, dice l'analista.

    "L'attacco missilistico di aprile da parte USA contro l'aeroporto di Ash-Shayrat a Khan Shaykun è stato considerato da Mosca discreto e persino ironico visto che 59 missili tomahawk non hanno praticamente causato danni alla base" dice l'autore. Oggi la reazione di Mosca sono molto più dure, anche se "prendere di mira" non significa "abbattere". Ma la situazione potrebbe cambiare: due anni fa nessuno avrebbe pensato che un aereo della NATO avrebbe potuto attaccare un bombardiere russo. Invece la Turchia ha abbattuto un aereo russo. Si avvicina un conflitto tra superpotenze".

    La guerra si sviluppa secondo una propria logica, conclude Ash: lo Stato Islamico subisce sconfitte e scompare dalla scena, ma la tensione tra i paesi vincitori aumenta sempre di più, e adesso essi sono ansiosi di spartirsi le zone d'influenza in Siria.

     

    Correlati:

    Media: gli USA farebbero meglio ad abbandonare il conflitto in Siria
    Usa, Dipartimento di Stato: continueremo a discutere con Russia su Ucraina e Siria
    La coalizione guidata dagli USA riduce geografia attacchi aerei in Siria
    Siria: 12 civili uccisi in raid della coalizione
    Tags:
    guerra, Siria, tensione, Guerra, azioni russe in Siria, Conflitto in Siria, Der Spiegel, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik