03:53 20 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Bandiere della Russia, UE.

    Diversi paesi UE si oppongono a rinnovo automatico sanzioni antirusse

    © Sputnik. Vladimir Sergeev
    Mondo
    URL abbreviato
    101870394

    Una serie di paesi europei si sono opposti al rinnovo automatico delle sanzioni antirusse da parte dell’UE, ha dichiarato ai giornalisti un alto funzionario dell’Unione Europea.

    "Ci sono diversi paesi europei i quali ritengono che la questione del rinnovo delle sanzioni non possa essere relegata ad una procedura burocratica automatica" ha detto il funzionario.

    In precedenza il capo della diplomazia europea Federica Mogherini ha dichiarato che l'UE probabilmente rinnoverà le sanzioni perché "non sono stati fatti reali progressi nell'applicazione degli accordi di Minsk".

    Le relazioni della Russia e dell'Unione Europea sono peggiorate a causa della situazione in Donbass, dove ad aprile 2014 Kiev ha avviato una operazione militare contro le repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk, le quali hanno annunciato la propria indipendenza dopo il colpo di stato in Ucraina a febbraio 2014. I paesi occidentali hanno imposto una serie di sanzioni contro la Russia e Mosca ha adottato misure di ritorsione.

    La Russia ha diverse volte dichiarato di non partecipare al conflitto interno, e di non sostenere le milizie e di non inviare truppe in Donbass. Mosca ha diverse volte dichiarato in oltre di non essere oggetto degli accordi di Minsk e che le sanzioni imposte nei suoi confronti sono controproduttive.

    Correlati:

    USA, media: nuove sanzioni a Russia bloccate alla Camera perché incostituzionali
    Sanzioni, l’Italia paga il conto della russofobia Ue
    Naftogaz richiede sanzioni agli USA a tutti partecipanti a progetto Nord Stream 2
    Ue, Mogherini: nessun progresso su accordi Minsk, verso proroga sanzioni a Russia
    Tags:
    sanzioni antirusse, Sanzioni contro la Russia, Sanzioni alla Russia, Sanzioni, Federica Mogherini, Europa, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik