21:19 23 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Donald Trump

    Sfuriata di Trump dopo aver appreso indagine su licenziamento ex direttore FBI

    © AP Photo/ Andrew Harnik
    Mondo
    URL abbreviato
    359141

    Il presidente Donald Trump ha avuto uno scatto d'ira quando ha visto in televisione la notizia sulle indagini per il licenziamento dalla guida dell'FBI di James Comey, segnala l'Associated Press riferendosi a delle fonti della Casa Bianca.

    Trump era così infuriato che imprecava contro il televisore della Casa Bianca, riferiscono le fonti. Allo stesso tempo il presidente degli Stati Uniti si è sfogato dicendo di essere vittima di una cospirazione con l'obiettivo di screditarlo o portarlo all'impeachment.

    Secondo gli interlocutori dell'agenzia, Trump è convinto che il primo sostituto del procuratore generale Rod Rosenstein e il procuratore speciale Robert Mueller siano prevenuti nei suoi confronti in questa indagine.

    In precedenza il presidente degli Stati Uniti aveva criticato i funzionari del Dipartimento di Giustizia. In un tweet Trump aveva scritto che chi lo indaga sul licenziamento di Comey "è la stessa persona" che gli ha suggerito di "licenziare il direttore dell'FBI."

    ​Molto probabilmente Trump aveva in mente l'autore del memorandum diventato il pretesto ufficiale per il licenziamento di Comey. Rosenstein è di fatto l'artefice dell'inchiesta sul Russiagate, dopo che il procuratore generale e segretario di Giustizia Jeff Sessions si è tirato fuori dall'inchiesta, hanno riferito i media.

    Correlati:

    Caso Flynn e rapporti con Russia, per Trump è caccia alle streghe
    Trump accusa media USA di interferire con fake news in rapporti con la Russia
    Ira Trump contro i media nazionali: CNN, NBC e New York Times “nemici del popolo”
    Trump continua la sua guerra contro i media e li definisce "palude"
    Tags:
    Giustizia, Russiagate, Indagine, FBI, Casa Bianca, Jeff Sessions, Robert Mueller, Rod Rosenstein, James Comey, Donald Trump, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik