06:55 22 Novembre 2019
Posto di blocco dei paramilitari ucraini nel Donbass (foto d'archivio)

Pubblicato rapporto ONU sulle violazioni dei diritti umani in Ucraina

© AFP 2019 / Aleksey FILIPPOV
Mondo
URL abbreviato
6202
Seguici su

La necessità per i cittadini del Donbass di registrarsi nella parte centrale del Paese come sfollati interni priva della pensione circa 400mila ucraini: questa prassi deve essere annullata. Lo si afferma nel rapporto della missione di monitoraggio delle Nazioni Unite sui diritti umani in Ucraina.

Il documento copre il periodo dal 16 febbraio al 15 maggio 2017. In questo intervallo i funzionari delle Nazioni Unite hanno registrato 36 vittime e 157 feriti tra i civili. Questo dato segna +48% rispetto al precedente periodo di riferimento a partire dalla metà di novembre 2016 a metà febbraio di quest'anno.

Gli autori del rapporto hanno inoltre rilevato il proseguimento delle violazioni dei diritti umani da parte di Kiev.

E' stata in particolare oggetto di critiche la prassi di registrazione obbligatoria dei cittadini residenti nel Donbass nelle parti centrali del Paese come sfollati interni. Senza questa registrazione, più di 400mila cittadini ucraini sono stati privati delle loro pensioni e diritti sociali, indicano i funzionari dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani. Il rapporto raccomanda di abolire questa procedura.

Suscita una reazione negativa ai difensori dei diritti umani dell'ONU l'esistenza di una linea di demarcazione che "tutti i giorni limita il diritto alla libertà di movimento."

Correlati:

Crimea, all’Onu risoluzione su violazione diritti umani da Ucraina
Per Mosca "sfavorevole" la situazione dei diritti umani in Ucraina
Tags:
Battaglioni paramilitari ucraini, Estremismo, Società, Diritti Umani, ATO, ONU, Alto commissariato ONU per i diritti umani, Donbass, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik