01:20 18 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 18°C
    Congresso USA

    Senatori USA d'accordo su nuove sanzioni contro la Russia

    © Sputnik. Igor Mikhalev
    Mondo
    URL abbreviato
    1130919

    I senatori di entrambi i partiti hanno concordato su nuove sanzioni contro la Russia per il suo "intervento nelle elezione americane" e per le sue azioni in Siria e in Ucraina.

    Lo riferisce la NBC News, riferendosi alla dichiarazione pubblicata dai rappresentanti dei due comitati politici. Le nuove sanzioni sono per chi "viola i diritti umani", fornendo armi al governo di Bashar Assad, ma anche per chi è stato coinvolto nel "premeditato cyberattacco a favore del governo della Russia", dice la dichiarazione.

    Inoltre, il Senato ha intenzione di introdurre nuove misure contro il settore energetico russo.  "Con l'introduzione sistematica di sanzioni, che richiedono da parte del Congresso il controllo di qualsiasi soluzione per la loro riduzione o abolizione, ci assicuriamo che gli USA continuino a penalizzare il presidente Putin per le sue sconsiderate e destabilizzanti azioni" ha assicurato il leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer.

    Questo accordo non significa che la decisione di nuove misure contro la Russia venga adottata definitivamente. I senatori saranno chiamati a votare pro o contro giovedì, dopo il voto procedurale mercoledì. Poi le sanzioni devono essere approvate dalla Camera dei rappresentanti, e poi dalla Casa Bianca.

    Le misure prese contro la Russia hanno la stessa forma di emendamento del disegno di legge di sanzioni contro l'Iran. Possono essere adottate già questa settimana. Nel documento c'è una misura che non consente al presidente Donald Trump di indebolire o annullare le misure adottate senza l'approvazione del Congresso.

    Le prime sanzioni americane sono state imposte alla Russia nel 2014, dopo il conflitto in Ucraina. In risposta Mosca ha imposto l'embargo alimentare che limita l'importazione di merci da paesi che aderiscono a queste misure. Quest'anno molti politici americani hanno suggerito di introdurre nuove sanzioni contro la Russia per "l'intervento nelle elezioni americane", un'indagine di cui si occupano di diversi comitati e dipartimenti, la cui prova conclusiva sull'influenza di Mosca durante il processo elettorale, manca.

    Il ministro degli esteri Russo Sergey Lavrov, commentando la possibile adozione di nuove sanzioni, ha detto che non ha intenzione di rispondere a "ogni starnuto" di Washington.

    Correlati:

    Russia, Lavrov non commenta indiscrezioni su possibili nuove sanzioni Usa
    Pushkov: Senato Usa adotta di nuovo sanzioni dopo non aver ottenuto prove da Comey
    Senatore USA parla di piani per inasprire sanzioni contro Russia
    Tags:
    Sanzioni, sanzioni, Senato degli USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik