23:20 24 Settembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 10°C
    Republican presidential candidate and U.S. Senator Lindsey Graham responds to a question at a Fox-sponsored forum for lower polling candidates held before the first official Republican presidential candidates debate of the 2016 U.S. presidential campaign in Cleveland, Ohio, August 6, 2015

    Senatore USA parla di piani per inasprire sanzioni contro Russia

    © REUTERS/ Brian Snyder
    Mondo
    URL abbreviato
    22725125

    Il senatore americano del partito Repubblicano Lindsey Graham ritiene che il presidente USA dovrebbe firmare un decreto per prolungare le sanzioni contro la Russia perché altrimenti tradirebbe la democrazia.

    In precedenza è stato dichiarato che le nuove sanzioni contro la Russia potrebbero portare ad un voto procedurale nel Senato degli Stati Uniti nel prossimo futuro. Il voto procedurale non decide l'adozione di sanzioni, infatti la decisione deve essere comunque poi approvata dal Senato prima di essere esaminata dalla Camera dei Rappresentanti. Il disegno di legge potrebbe entrare in vigore se verrà approvato da entrambe le camere del Congresso e firmata dal presidente.

    "Puniremo i russi. Qualsiasi membro del Congresso che non voglia punire i russi per quello che hanno fatto è un traditore della democrazia. Dunque se il presidente non firmerà il decreto sarà considerato un traditore della democrazia" ha detto Graham in una intervista con il canale televisivo NBC News.

    Secondo Graham, se il presidente non firmerà un decreto sull'estensione delle sanzioni contro la Russia, il Senato non prenderà in considerazione la sua decisione.

    "Penso che firmerà, e nel caso non firmasse, non prenderemo in considerazione il suo veto… Non riavvieremo mai le relazioni con la Russia finché non verrà punita per aver cercato di distruggere la democrazia Questo rappresenta un rafforzamento delle sanzioni " il politico ha concluso.

    Le relazioni tra Russia e Occidente si sono deteriorate a causa della situazione in Crimea e Ucraina. Alla fine di luglio 2014 l'UE e gli Stati Uniti hanno imposto delle sanzioni contro determinati individui e aziende passando successivamente a misure contro interi settori dell'economia russa. In risposta, la Russia ha limitato le importazioni di prodotti alimentari provenienti da paesi che hanno imposto sanzioni contro di essa: USA, UE, Canada, Australia e Norvegia.

    Correlati:

    In Crimea si commentano sanzioni di Kiev contro politico tedesco
    Bulgaria, Radev favorevole all’abrogazione delle sanzioni UE contro Mosca
    Russia, Banca centrale: influenza delle sanzioni sull’economia è esagerata
    Rappresentanti permanenti dei Paesi UE dicono sì a proroga sanzioni contro Crimea
    Tags:
    sanzioni antirusse, Sanzioni, Sanzioni alla Russia, Repubblicani (partito USA), Lindsey Graham, Donald Trump, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik