05:35 19 Ottobre 2018
Attacco aereo della coalizione in Siria (foto d'archivio)

Quartier generale alleato della Siria minaccia USA di ritorsioni

© AFP 2018 / Aris Messinis
Mondo
URL abbreviato
21391

Il quartier generale alleato della Siria, del quale fanno parte gli Hezbollah e l’Iran, ha annunciato di essere pronto a colpire le posizioni dei militari americani se dovesse essere necessario.

Martedì la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha condotto dei raid contro le forze governative siriane ad al-Tanf nel sud del Paese. Un bombardamento simile era stato condotto da Washington nello stesso distretto il 18 maggio sostenendo una presunta minaccia da parte delle forze siriane nei confronti della coalizione.

"Il sangue dei figli siriani, dell'esercito siriano arabo e dei loro alleati non è stato versato invano, noi possiamo colpire le posizioni USA in Siria nel momento in cui sarà necessario, data la presenza di missili e diverse installazioni militari" si legge nel testo della dichiarazione dello Stato Maggiore.

Il quartier generale ha definito l'azione degli Stati Uniti una "vile aggressione" e la prova "dell'ipocrisia degli Stati Uniti nella lotta contro il terrorismo". L'assenza di una risposta contro i raid al momento è stata spiegata dal quartier generale come autocontrollo, ma è stato sottolineato che ci sarà una reazione se gli Stati Uniti oltrepasseranno la "linea rossa".

Correlati:

Siria, nuovo raid della coalizione USA contro le forze di Assad
Siria, media: i genitori del piccolo Omran non lasciano Aleppo e sostengono Assad
Peskov: possibili nuove provocazioni in Siria con armi chimiche
Siria, Lavrov: zone sicure non sono precondizione per la divisione del Paese
Tags:
guerra, Crisi in Siria, Coalizione, raid, Coalizione internazionale, Esercito della Siria, Forze armate, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik