02:24 23 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
181
Seguici su

La domanda di gas in tutto il mondo cresce, in particolare, in Europa, quindi con il tempo la capacità del gasdotto Nord stream-2 potrebbe non essere sufficiente per il tasso di crescita dei bisogni dei paesi europei .

Lo ha detto il capo della Gazprom, Aleksey Miller, al Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Prima che il Nord stream-2 venga messo in funzione, rimangono ancora due anni e mezzo. Nel frattempo, il tasso di crescita della domanda di gas russo in Europa continua a crescere. Se continua così, il Nord stream-2 non sarà sufficiente per soddisfare la domanda nei paesi europei. Allo stesso tempo, con l'aumento delle forniture di gas russo, la quantità di esportazione di energia della Norvegia, dei Paesi Bassi e Qatar si è ridotta, ha sottolineato Miller.

Il fatto è che in meno di un anno e mezzo il volume annuo di fornitura della Gazprom per il mercato europeo è aumentato di 29,4 miliardi di metri cubi di gas, e si tratta di poco più del 50% della capacità di progettazione del gasdotto Nord stream 2. In generale, l'Europa per la compagnia energetica russa è il principale mercato di esportazione, in cui lavora da circa 50 anni. La dinamica dei consumi di gas nell'Unione Europea è aumentata in modo significativo, del 6,9%.

Il volume delle importazioni in Europa è aumentato del 11,1%. L'importazione è aumentata in grandi volumi di consumo, ha detto Miller, secondo cui, ci sono due ragioni. Pricipalmente la causa è la riduzione del tasso di produzione di gas nell'Unione Europea.Il gas occupa un posto sempre più significativo nel mix energetico globale. In particolare, il Regno Unito ha seriamente ridotto la quota di produzione del carbone. Solo nel 2016, questa cifra è scesa dal 23% al 9%, e la riduzione è stata compensata proprio dal gas.

Il capo della Gazprom ha anche richiamato l'attenzione sul rapporto tra il volume del commercio del gasdotto e del gas naturale, pari al 69% e al 31% in maniera stabile. Tuttavia, le esportazioni di gas in forma liquida o attraverso il gasdotto sono solo diversi per i tipi di trasporto di energia. La competitività di un tipo su un altro dipende dal volume di fornitura e dalle distanze.

In alcuni casi è meglio il gas naturale, l'aumento della distanza e l'aumento dei volumi di fornitura di gas convogliato lo rendono anche economicamente attraente. Oggi una percentuale enorme di trading del gas avviene attraverso i tubi e il fatto che il gas naturale liquefatto stia diventando sempre più popolare è perché il mercato è sempre più globale, sempre più paesi scelgono questa fonte di energia.

La Gazprom nel 2016 ha esportato un totale di 179, 3 miliardi di metri cubi di gas, il 12,5% in più rispetto al 2015, battendo un altro storico record. Allo stesso tempo una notevole crescita della produzione di gas non è stata osservata, c'è un tasso di crescita pari a 0,14% rispetto al 2015. Solo nel 2016 sono stati prodotti 419,07 miliardi di metri cubi di gas.

L'anno scorso la Gazprom ha immesso nei mercati esteri il 42% del totale di gas naturale estratto. Alexei Miller ha osservato che il lavoro del gruppo dipende dal mercato. Se sarà necessario, la Gazprom potrebbe aumentare la produzione di gas a 150 miliardi di metri cubi all'anno di produzione effettiva, una capacità che permette all'azienda in caso di necessità, di aumentare rapidamente la fornitura di carburante all'interno del paese.

Per quanto riguarda l'Europa, la maggiore richiesta di energia russa è stata registrata in Germania, un paese che ha esportato dalla Gazprom 34,265 miliardi di metri cubi di gas, pari a poco più del 27% del totale delle esportazioni di gas dalla Russia. Al secondo posto c'è l'Italia, che ha acquistato 18,3 miliardi di metri cubi di gas naturale, il 14,5% delle esportazioni.

Correlati:

Capo della Gazprom sul gas ucraino: "lasciate che ci provino"
Energia, Gazprom firma prestito a lungo termine di 335 mln dollari
Energia, Gazprom costruirà parte gasdotto in nord-ovest Russia
Tags:
Forum economico a San Pietroburgo, Gazprom, Alexey Miller
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook