Widgets Magazine
22:38 17 Settembre 2019
Russia-Turchia

Russia-Turchia, Putin toglie restrizioni su assunzioni cittadini e commercio reciproco

© AP Photo / Thanassis Stavrakis
Mondo
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Putin ristabilisce parzialmente l'accordo con la Turchia su visite reciproche dei cittadini, inoltre, abolisce alcune misure economiche contro la Turchia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha sollevato le restrizioni legate all'assunzione di cittadini turchi. Lo ha reso noto il Cremlino in un comunicato. Le misure invalidate hanno limitato i tipi di lavoro elencati in Russia e hanno vietato ai datori di lavoro locali non inclusi nell'elenco di assumere cittadini turchi. Putin ha incaricato il ministero degli Esteri di inviare una notifica alla Turchia sulla ripresa parziale dell'accordo sulle condizioni delle visite reciproche dei cittadini.

"Il ministero degli Esteri russo deve inviare in modo adeguato alla Turchia una notifica sulla ripresa parziale dell'accordo tra il governo russo e quello turco sulle condizioni di visite reciproche dei cittadini dei due paesi del 12 maggio 2010", si legge nel decreto.

Il presidente russo ha ampliato l'elenco delle categorie di cittadini turchi che hanno diritto a viaggiare in Russia senza richiedere un visto.

Sono esonerati "i cittadini della Repubblica turca che sono membri degli equipaggi di aeromobili nazionali e i cittadini della Repubblica turca che hanno validi passaporti di servizio e vengono inviati in Russia per viaggi di lavoro a breve termine, tra cui le missioni diplomatiche turche e gli uffici consolari in Russia". Anche i membri della famiglia dei titolari di passaporto validi hanno diritto di viaggiare senza visti "sul principio della reciprocità di misure analoghe adottate nei confronti dei cittadini russi".

Inoltre, Vladimir Putin ha firmato un decreto per abolire determinate misure economiche contro la Turchia.

"Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il decreto per l'abolizione di determinate misure economiche speciali in relazione alla Repubblica di Turchia", si legge nel testo.

La Russia ha bandito la fornitura di alcuni prodotti turchi dal 1 gennaio 2016 in risposta all'attacco della Turkish Air Force su un caccia russo Su-24 in Siria. In seguito alcune restrizioni sono state revocate. All'inizio di maggio, dopo i colloqui con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, Putin ha dichiarato che c'è stato un accordo su una "decisione complessa per sopprimere le misure restrittive nel commercio reciproco". La Russia e la Turchia il 22 maggio hanno firmato a Istanbul una dichiarazione congiunta per sollevare reciprocamente le restrizioni commerciali.

Il decreto del presidente russo Vladimir Putin che abolisce le restrizioni all'importazione, all'occupazione e ai viaggi in Turchia era una formalizzazione di precedenti intese con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

"Quando i negoziati si sono svolti a Sochi, i presidenti hanno affermato che queste restrizioni precedentemente introdotte sono state abolite con poche eccezioni. Questa è stata, infatti, una formalizzazione di questi accordi", ha detto ai giornalisti.

Correlati:

Russia, la RZS commenta le misure restrittive della Turchia sul grano russo
Russia-Turchia: firmata dichiarazione su abolizione restrizioni commerciali
Russia-Turchia, oggi Medvedev incontra Erdogan
NATO pronta a sopportare la dittatura in Turchia pur di controllare la Russia
Agricoltura, da limitazioni export verso Turchia danno per Russia da 1,5 mld
Russia-Turchia, al lavoro per eliminare restrizioni su prodotti agricoli
Russia supera Turchia e Bulgaria in competitività nel settore turistico
Cavusoglu: Occidente ha la malattia di intromettersi negli affari di Russia e Turchia
Tags:
scambi commerciali, commercio, Economia, Turisti stranieri in Russia, turismo, Relazioni Russia-Turchia, Recep Erdogan, Dmitry Peskov, Vladimir Putin, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik