16:02 25 Aprile 2019
FBI Director James Comey listens as he is thanked for speaking at the Boston Conference on Cyber Security at Boston College in Boston, Massachusetts, US, March 8, 2017.

The Hill: senatori americani lottano per il diritto di indagare sulla Russia

© REUTERS / Brian Snyder
Mondo
URL abbreviato
222

I senatori USA "stanno lottando" per accusare la Russia: due comitati lottano per il diritto di investigare “sull’ingerenza russa nelle elezioni USA” scrive The Hill.

Si tratta del Comitato giuridico e del Comitato dell'intelligence. Entrambi stanno cercando di ottenere delle dichiarazioni dall'ex direttore dell'FBI James Comey, da poco licenziato dal presidente Trump. Secondo il presidente del Comitato giuridico Chuck Grassley, lui ei suoi colleghi "potrebbero chiamarlo con un mandato di comparizione", ma non credono che ora sia necessario. Il Comitato dell'intelligence è più fortunato: i suoi capi Richard Burr e Mark Warner hanno fatto progressi significativi per fare in modo che Comey testimoni.

Tuttavia  Grassley e il suo vice capo Dianne Feinstein sostengono che il Comitato giuridico non si può mettere in secondo piano. Hanno diffuso un gran numero di annunci, nei quali sostengono che l'FBI sia sotto la loro giurisdizione.

Secondo il senatore John Cornyn Comey non dovrà necessariamente testimoniare davanti a entrambi i comitati perché essendo un cittadino privato, ha il diritto di non farlo.

Non è scontato che egli si presenti e testimoni. Quindi dobbiamo stare attenti con le nostre richieste e dobbiamo cercare non aggravare la situazione, altrimenti Comey semplicemente non testimonierà" ha spiegato il senatore.

Come riporta il The Hill, non è la prima volta che i comitati, nella lotta al diritto per l'indagine sulla cossiddetta ingerenza russa, cercano di accappararsi tutte le funzioni su di sé senza dividere i lavori.

In USA sono in corso delle indagini condotte da due comitati di entrambe le camere del Congresso, e anche del Ministero della giustizia. Fino ad ora non sono state fornite prove sulla presunta ingerenza russa nelle elezioni presidenziali, o che l'amministrazione Trump sia legata a Mosca.

Trump ha licenziato James Comey all'inizio di maggio sostenendo che il capo dell'FBI fosse inefficiente. Il direttore capo dell'FBI conduceva delle indagini sulle possibili relazioni di Trump con Mosca. Lo stesso Comey pensa che la causa del suo licenziamento stia nella sua impossibilità di essere leale a Trump.

Correlati:

Russiagate, Trump: mai fatto pressioni su Comey, voglio accelerazione inchiesta
Fuori Comey(FBI), Hillary presto sotto accusa?
Per la CIA è un “dato di fatto” l'ingerenza russa nelle presidenziali USA
Usa, senatori chiedono un’inchiesta su presunta ingerenza russa alle presidenziali
Tags:
Legge, Politica, Ingerenze, influenza, Elezioni negli USA, Influenza della Russia, indagine, Senato degli USA, Congresso USA, Corte per l'intelligence, Richard Burr, Mark Warner, James Comey, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik