03:04 16 Agosto 2018
A nuclear, biological and chemical (NBC) reconnaissance crew during the regional stage of the Russian Army's Safe Environment 2016 NBC units contest in the Transbaikal region

Russia distrugge quasi il 99% delle sue armi chimiche

© Sputnik . Evgeny Yepanchintsev
Mondo
URL abbreviato
3171

La Russia ha distrutto il 98,6% delle sue armi chimiche, sarebbe a dire quasi 40mila tonnellate, ha comunicato alla riunione della commissione per la difesa e la sicurezza del Consiglio della Federazione il direttore del dipartimento per l’attuazione degli obblighi convenzionati del Ministero dell’industria.

"Nell'impianto nella regione dell'Udmurtia al 29 maggio sono rimaste 588 tonnellate di agenti chimici, vale a dire circa 1,4% dall'inventario precedente, che 20 anni fa ammontava a circa 40mila tonnellate" ha detto.

Come ha detto il presidente della commissione Viktor Ozerov, la Russia è nel pieno rispetto dei suoi obblighi internazionali in questo settore.

La Russia nel 1997 ha aderito alla convenzione internazionale per la distruzione delle armi chimiche. Si prevede che la distruzione delle armi chimiche in base alla presente convenzione dovrebbe essere completata entro il 31 dicembre 2018.

Correlati:

Russia, Shoigu: il ministero della Difesa sa tutto sulle armi chimiche in Siria
Gli esperti dicono che l'IS bluffa sulle armi chimiche a Mosul
Russia, entro fine anno liquidazione completa delle armi chimiche sovietiche
Media riferiscono di creazione di unità di esperti in armi chimiche nel Daesh
Tags:
Armamenti, Armi, distruzione, Armi chimiche, Armi chimiche, Consiglio della Federazione della Russia, Comitato Centrale, Viktor Ozerov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik