Widgets Magazine
15:33 17 Ottobre 2019
hacker

Esperto su creatori di WannaCry: gli USA cercano di spostare i sospetti sugli altri

© REUTERS / Kacper Pempel/Illustration
Mondo
URL abbreviato
270
Seguici su

Gli specialisti americani per la sicurezza informatica ritengono che i creatori del virus-malware Wannacry provengano dalle regioni meridionali della Cina, Hong Kong, Taiwan o Singapore. L’esperto Leonty Bukshteyn in onda su radio Sputnik ha commentato queste ipotesi.

Degli specialisti nell'ambito della sicurezza informatica ritengono che i creatori del virus-malware WannaCry provengano dalle regioni meridionali della Cina, Hong Kong, Taiwan o Singapore scrive la testata South China Morning Post.

Una analisi linguistico-criminologica ha dimostrato che il programma è stato scritto da un madrelingua cinese, in particolare in un dialetto del sud, sostengono gli esperti della società americana Flashpoint.

Secondo la compagnia un errore di battitura permette di affermare che il testo del messaggio che appariva sugli schermi dei computer infetti era inizialmente scritto in cinese e successivamente tradotto in inglese. Dalla base della versione inglese con l'aiuto di un programma di autotraduzione sono stati ottenuti i testi in 26 lingue.

Inoltre il messaggio in lingua cinese include la variante dialettale della parola "settimana" (libai) la quale viene utilizzata più spesso nel sud del paese e nelle isole vicine ritengono gli esperti americani.

Un professore di lingua cinese dell'università di Jimei ha dichiarato alla testata che che la presenza di una parola dialettale in un testo difficilmente può essere considerata una grande prova, perché l'espressione libai è utilizzata anche nella parte settentrionale del paese.

L'attacco informatico su larga scala in tutto il mondo del 12 maggio ha colpito più di 200 mila utenti in più di 150 paesi.

Il capo redattore del portale internet "Telecomunicazioni Mobili" Leonty Bukshteyn in onda su radio Sputnik ha ricordato quale il programma è stato presumibilmente usato come base per i creatori di questo virus.

"Io a questi specialisti americani chiederei cosa ne pensano del malware dell'Agenzia di sicurezza nazionale degli USA Eternal Blue, visto che probabilmente è stato usato come base per la programmazione del virus. Ecco il "trucco". Gli americani si devono giustificare ed ecco che urlano: "Al ladro!" vogliono spostare i sospetti su qualcun altro. E qui è necessario ricordare le divergenze tra USA e Cina, e l'interesse tutto americano di dimostrare che la regione è instabile. Per quanto riguarda la lingua, essa può essere modificata e contraffatta in ogni parte del mondo, e quindi non è abbastanza per fare conclusioni. Se ne può discutere quanto si vuole ma mi piacerebbe sapere di più del malware dell'NSA: come lo hanno sviluppato e perché. Perché c'è sempre chi vuole impugnare il coltello, quando questo è incustodito" ha detto Leonty Bukshteyn.

 

Correlati:

Russia, arrestati 20 hacker per aver infettato oltre 1 milione di smartphone con virus
Hacker Corea del Nord sospettati di aver creato virus WannaCry
Servizi segreti USA assolvono la Corea del Nord per cyberattacco con “WannaCry”
Tags:
hacker, internet, Media, hacker, Guerra mediatica, Hacker, mediazione, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik