Widgets Magazine
02:38 17 Luglio 2019
Rodrigo Duterte, el presidente de Filipinas,durante la rueda de prensa en Davao

Duterte: non permetterò agli USA di trattare le Filippine come una colonia

© REUTERS / Lean Daval
Mondo
URL abbreviato
7202

Il presidente delle Filippine ha detto che non permetterà agli USA di trattare il suo paese come una colonia.

"Dipende da come l'America approccerà la questione. Volete trattarmi come una colonia? State scherzando? Non permetterò di farmi trattare come un governatore coloniale. Siamo un paese indipendente. Siamo in grado di superare le difficoltà. Possiamo essere affamati, ma questa volta vogliamo essere trattati con dignità", ha detto in un'intervista ai media russi. 

Allo stesso tempo, ha chiamato il leader americano Donald Trump amico. "Non ho nulla contro l'America. Va tutto bene. Trump è amico mio" ha detto il presidente delle Filippine.

Ha sottolineato che la politica estera del suo paese "si allontana dal corso occidentale". "Ora abbiamo un'alleanza lavorativa con la Cina, spero di avviare un rapporto di lavoro con la Russia. Perché? Perché il mondo occidentale, l'Unione Europea sono ipocriti" ha detto. 

Lunedì Duterte arriverà in visita a Mosca. Secondo lui, "la Russia vende armi e non pone alcuna condizione. Quando la Russia vende armi, non impone alcun tipo di condizione. Quando vende, vende. Ne avete bisogno? Prendete. Fa così" ha detto Duterte.

"C'è un approccio simile in America? No. Perché anche se il presidente dice "sì", il dipartimento di Stato dice "no", e il Congresso per dire "no", dichiara il mancato rispetto dei diritti umani. Se il modus operandi è questo, non ho intenzione di chiedere aiuto in ginocchio" ha sottolineato.

Correlati:

Duterte: Turchia e Mongolia vogliono entrare nell’ASEAN
Xi Jinping e Duterte hanno discusso la situazione della penisola coreana
Duterte: pronto a "mangiare" terroristi, purché ci sia aceto e il sale
Tags:
Rodrigo Duterte, Filippine
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik