15:59 15 Novembre 2019
Guerra in Sudan del Sud

Rapporto ONU accusa Ucraina: consegna armi in Sudan dal 2014 nonostante embargo

© REUTERS / Jok Solomon
Mondo
URL abbreviato
317
Seguici su

Come indicato in un rapporto delle Nazioni Unite, l'Ucraina ha firmato un contratto per la fornitura di 30 carri armati T-55, 20 sistemi antiaerei Zu-23, 50mila mitragliatori Ak-47 così come altri equipaggiamenti militari.

L'Ucraina ha venduto armi al Sudan del Sud nonostante l'embargo, segnala oggi l'agenzia "News Front" con riferimento ad un rapporto di esperti delle Nazioni Unite sul monitoraggio dell'embargo.

Secondo il rapporto, lo scorso 27 gennaio l'Ucraina ha inviato armi e munizioni da Kharkov in Uganda a bordo dell'aereo di trasporto Il-76. Gli esperti rilevano che la fornitura è stata eseguita da una società con sede nella capitale dell'Estonia, tuttavia la consegna stessa è stata gestita e coordinata dal ministero della Difesa dell'Ucraina.

Nel rapporto si afferma che il contratto per la fornitura di armi tra Ucraina e Sudan del Sud è stato firmato nell'estate del 2014 dai rappresentanti dei servizi segreti di Kiev (SBU) e da una società registrata alle Seychelles.

Ricordiamo che nel 2011 nel Sudan del Sud è scoppiata la "terza guerra civile", dopo che lo Stato è diventato sovrano e si è separato dal Sudan. Il conflitto vede opposti il presidente Salva Kiir e l'opposizione guidata dal vicepresidente Riek Machar. Secondo le Nazioni Unite, durante il conflitto sono rimaste uccise almeno 10mila persone.

Correlati:

Sud Sudan, Mosca: parti in conflitto rispettino accordo di pace del 2015
ONU, monito del segretario Antonio Guterres sul pericolo delle guerre
Tags:
Difesa, Sicurezza, Commercio, Politica Internazionale, Armi, embargo, ONU, Ucraina, Sudan del Sud
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik