11:53 17 Luglio 2018
Vladivostok

Esperti: idea che gli USA possano assumere il controllo dei porti russi è assurda

© Sputnik . Ramil Sitdikov
Mondo
URL abbreviato
23274

Gli Usa non possono controllare i porti dell’Estremo Oriente, e l'adozione di questo progetto di legge dalla Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti è una mossa politica, hanno detto a Sputnik degli esperti.

Giovedì la Camera dei rappresentanti del Congresso ha adottato un progetto di legge contenente una norma secondo la quale l'amministrazione USA può mettere sotto il proprio controllo i porti russi di Vladivostok, Nakhodka e Vanino nell'ambito dell'imposizione delle sanzioni contro la Corea del Nord. Il progetto di legge dovrà essere confermato dal Senato USA e sottoposto alla firma del presidente.

Vladimir Baranov, direttore generale della "InvestStrojTrest", compagnia che da metà maggio avvierà il trasporto regolare passeggeri tra il porto di Rajin e Vladivostok, ha detto che il tentativo Usa di acquisire il controllo dei porti è più simile ad un bluff.

"Gli Stati Uniti non possono controllare in nessuna maniera fisicamente i porti russi; dovrebbero andare direttamente alla capitaneria porto e richiedere i documenti. Ovviamente non lo faranno mai. E le uniche azioni che potranno intraprendere sono: buffonate, denunce, diversivi, tipo oggetti illegali o esplosivi trovati in qualche carico. In generale, un bluff da parte degli Stati Uniti, che stanno cercando di far capire che controllano il mondo. Porteremo quello che ci servirà per garantire il trasporto", ha detto la fonte.

A sua volta, il direttore della Vladivostok State University Economics and Service, il professor Aleksandr Latkin, ha detto Sputnik, che l'idea di un tentativo di controllo sembra assurdo.

"Come potrebbero gli Stati Uniti controllare le attività dei nostri porti? Se gli Stati Uniti controllassero una qualche percentuale delle azioni del porto, allora sarebbe stato ammissibile. Ma adesso, per quanto ne so, tutti gli azionisti sono russi. E' una mossa politica. Per il controllo dei nostri porti gli americani non hanno nessuna normativa, ne di base economica ne di base giuridica", ha detto Latkin.

L'unico obiettivo del progetto di legge americano è di garantire il controllo dell'esecuzione delle risoluzioni dell'ONU, che limitano il commercio della Corea del Nord con gli altri paesi e vietano la consegna nel paese di armi, aerei, missili, dispositivi nucleari e altre tecnologie. Il documento è stato adottato per sostenere lo sforzo dell'amministrazione degli USA di risolvere la questione nucleare della Corea del Nord. In particolare, il presidente Donald Trump sta attivamente cercando di utilizzare la Cina per esercitare pressioni sulla Corea del Nord aumentando contemporaneamente la pressione militare.

Le tensioni nella penisola coreana sono fortemente aumentate negli ultimi mesi a causa di una serie di test missilistici della Corea del Nord. Gli USA non escludone l'opzione di un'azione militare contro la Corea del Nord, ma intendono concentrarsi sulla pressione economica contro Pyongyang con l'aiuto di sanzioni.

Correlati:

A Vladivostok Russia e Giappone lavorano insieme. E l’Europa?
Ai confini del mondo ( Vladivostok )
Corea del Nord, Camera rappresentanti Usa vota nuove sanzioni
Corea del Nord, Russia: Risoluzione della situazione con mezzi militari sarà disastrosa
Corea del Nord, candidato ambasciatore Usa: nuove sanzioni se Cina non rispetterà impegni
Tags:
Sanzioni, Economia, Diplomazia Internazionale, porto, Controlli, Sanzioni, Situazione della penisola coreana, Controlli alle frontiere, commercio, controllo, Camera dei rappresentanti, Congresso, Donald Trump, Estremo Oriente, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik