22:07 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
14218
Seguici su

“Il Pentagono ha confermato che a settembre di quest’anno invierà in Europa la brigata "Daggers!”: la 2° brigata corazzata e la 1° divisione di fanteria per l’operazione “Atlantic Resolve”.

"Il Pentagono ha confermato che a settembre di quest'anno invierà in Europa la così detta "Brigata Daggers!" dell'esercito USA, la 2° brigata corazzata e la 1° divisione di fanteria per sostenere l'operazione "Atlantic Resolve". Questa è la risposta americana all'intervento in Ucraina", scrivono per il Wall Street Journal Tomas Donnelli e James Cunningham, rispettivamente co-direttore e ricercatore capo del Marilyn Ware Center for Security Studies all'American Enterprise Institute.

Secondo gli autori questo è il segnale che il presidente USA Donald Trump ha approvato l'estensione degli obblighi degli Stati Uniti nei confronti della NATO, come il suo predecessore, Obama. "Questo è un bene, ma se Trump non manterrà la promessa di ripristinare l'efficienza delle forze armate statunitensi, per la brigata sarò difficile compiere la sua missione", scrivono.

Il colonnello a capo della brigata, David Gardner, ha detto agli autori che il carico di responsabilità è arrivato al limite. Il problema principale è il numero di soldati e i loro problemi personali. Gardner avverte la necessità di un leader e si scontra con le difficoltà causate dalla rotazione del personale.

La brigata "Daggers!" è costituita da poco più di 4000 soldati. "In realtà, sottraendo i soldati malati, feriti, incinta, sotto inchiesta per reati penali, in corso di trasferimento o in procinto di entrare in riserva, la brigata conta solo l'80% del personale. E Gardner ha detto che se riuscirà ad ottenere almeno questa quantità di soldati per un viaggio in Europa, sarebbe un colpo di fortuna", si legge nell'articolo.

Secondo gli autori anche l'equipaggiamento della brigata è carente: Gardner si aspetta che venga effettuato un riammodernamento totale. La brigata ha condotto delle esercitazioni a Fort Riley, che sono durate per un totale di tre settimane. Ma a causa del tempo necessario per le riparazioni dei carri armati e degli altri veicoli, le esercitazioni si sono ridotte ad una settimana.

Ai tempi della guerra fredda le truppe americane che pattugliavano le frontiere della Germania occidentale erano le meglio equipaggiate ed efficienti dell'esercito americano. "Oggi "la frontiera della libertà" in Europa si è spostata a 1000 miglia ad est e si estende dal Baltico al mar Nero, ma le forze degli Stati Uniti non si sono spostate insieme ad essa e non hanno mantenuto i vecchi numeri. Il tenente generale Ben Hodges, comandante delle forze Usa in Europa, ha detto che il suo dovere è "di dare l'impressione ai russi di avere 300 000 soldati" invece di 30 000", scrive il giornale.

Secondo gli autori il budget del Pentagono proposto da Trump non contiene le disposizioni necessarie per risolvere i problemi del personale e dell'equipaggiamento.

Gardner e i suoi uomini "sanno fare il loro dovere e sono troppo impegnati a lamentarsi. Ma il nostro paese non sta fornendo loro il supporto necessario per svolgere il loro compito" avvertono gli autori.

Correlati:

Il Pentagono ha permesso di riesaminare il numero delle truppe in Iraq e in Siria
Alaska, Pentagono: i bombardieri russi hanno rispettato spazio aereo USA
NATO: attività marina russa in Europa supera livello della guerra fredda
Comandante forze NATO in Europa chiede altri rinforzi per "contenere la Russia"
Comandante della NATO in Europa accusa la Russia di armare i talebani in Afghanistan
Tags:
Truppe, Armamenti, truppe, corsa agli armamenti, Dislocazione truppe NATO, Esercito, Pentagono, NATO, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook