Widgets Magazine
00:27 23 Settembre 2019
Una parte dell'acceleratore Large Hadron Collider

Scienziati russi aumentano produttività del Grande Collisore di Adroni

© Foto : CERN
Mondo
URL abbreviato
2221
Seguici su

Gli scienziati russi hanno sviluppato e messo in funzione dei nuovi componenti del Grande Collisore di Adroni (Large Hadron Collider) che permetteranno di aumentare significativamente la sua velocità, ha comunicato ai giornalisti Pavel Logachev, direttore dell’istituto di fisica nucleare Budker.

Il direttore dell'istituto ha dichiarato che il 9 maggio presso il CERN di Ginevra si svolgerà la cerimonia dell'avvio del nuovo accelleratore di protoni LINAC-4. I componenti fondamentali dell'accelleratore sono stati progettati ed installati dai membri dell'istituto Budker e del Centro federale russo per il nucleare insieme ai colleghi europei.

Il Centro federale russo per il nucleare ha preparato il corpo di risonanza e le celle di comunicazione, utilizzando, in particolare, una tecnologia elettrochimica a base di rame dallo spessore 30-50 micron installata su acciaio inossidabile. Il rivestimento in rame garantirà, oltre duratura adesione al substrato, una buona conducibilità elettrica e per soddisfare i requisiti in un ambiente prossimo al vuoto totale" ha detto Logachev.

Presso l'istituto Budker sono stati assemblati e configurati i tubi fabbricati sottovuoto con una saldatura a fascio di elettroni. La configurazione finale dei componenti è stata effettuata dagli esperti russi al CERN.

"Il Linac 4 rappresenta la prima fase di un lungo ed ambizioso programma sulla strada di nuove scoperte del Large Hadron Collider. Si prevede che tra 10 anni, quando il programma di ammodernamento del Large Hadron Collider sarà completato, sarà possibile aumentare di dieci volte il numero di collisioni di particelle, che amplierà enormemente la possibilità di osservare processi rari e la ricerca di particelle ancora sconosciute" ha sottolineato accademico Logachev.

Correlati:

Al Cern inizia la “rivoluzione della fisica”
Giappone, completato l’upgrade dell’acceleratore di particelle SuperKEKB
Entro il 2020 sarà pronto il primo acceleratore di particelle prodotto in Russia
Russia sviluppa armi laser e a particelle, ma il lavoro è "più complicato del previsto"
Tags:
Scienza e Tecnica, Tecnologia, tecnologia, tecnologie nucleari, tecnologia, sviluppo, CERN, Svizzera, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik