23:24 25 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
25222
Seguici su

Il malcontento dei cittadini dell'Unione Europea va ben oltre le isole britanniche,tuttavia senza l’UE i paesi europei sarebbero privi di qualsiasi rilevanza sulla scena politica mondiale. Lo scrive Gerd Appenzeller sul “Tagesspiegel”.

Come dimostrano i risultati del sondaggio dell'Istituto di studi politici "Policy Matters" di Berlino, i cittadini di Repubblica Ceca, Svezia, Italia, Paesi Bassi e Francia vedono nell'adesione all'UE più svantaggi che vantaggi. Un'altro sondaggio della Fondazione Bertelsmann ha evidenziato che il 72% degli europei sono insoddisfatti della politica di Bruxelles. Per comprendere le cause di tale atteggiamento bisognerebbe dare un'occhiata alle statistiche sulla disoccupazione nei cinque paesi della zona euro maggiormente colpiti dalla crisi economica: Grecia 23,5%, Spagna 18%, Italia 11,5%, Portogallo e Francia 10 %.

Un altro motivo di malcontento, secondo Appenzeller, è la moneta unica che ha favorito una parte dei paesi europei a scapito di altri (quelli dell'Europa meridionale in particolare). Gli effetti della globalizzazione e il crollo del blocco sovietico sono per Appenzeller altri motivi di insoddisfazione per gli europei. Le conseguenze, infatti, sono la perdita di lavoro, il ritiro della produzione in paesi con salari più bassi, l'aumento della concorrenza a causa del flusso dei migranti, di manodopera a basso costo.

Tuttavia Appenzeller sostiene l'idea europea, dell'unione tra i paesi europei che presi singolarmente non avrebbero alcuna influenza e rilevanza nell'arena politica mondiale. Se non ci fosse l'Unione Europea, sostiene il giornalista, l'Europa sarebbe solo un'appendice della Russia.

Correlati:

Energia, Mosca spera che Ue usi logiche commerciali su Nord Stream 2
Shoigu: Ue coltiva fobie anti-russe invece di unire sforzi
Ucraina, Ue non prenderà parte a indagini su esplosione mezzo Osce
Tags:
Sondaggio, Malcontento, moneta unica, disoccupazione, euro, Unione Europea, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook