Widgets Magazine
11:08 25 Agosto 2019
La ferrovia tra Addis Abeba e il Gibuti costruita con gli investimenti cinesi

Gibuti: la Cina trasformerà la "Porta del dolore" in una Mecca turistica

© AFP 2019 / Zacharias ABUBEKER
Mondo
URL abbreviato
160

Gibuti: la Cina trasformerà la "Porta del dolore" in una Mecca turistica

"La base militare cinese servirà come punto di partenza per lo sviluppo del turismo, e noi crediamo che ne valga la pena" ha detto Osman Abdi Mohamed, amministratore delegato dell'Ufficio Nazionale del turismo del Gibuti. La sua opinione viene citata dal quotidiano di Hong Kong "South China Morning Post".

La costruzione della base militare cinese in Gibuti può essere considerato un ulteriore fattore di sicurezza per la crescita degli investimenti della Cina nell'economia e nelle infrastrutture di questo paese, ha detto in una intervista con Sputnik l'esperto dell'Istituto dell'Estremo Oriente Alexandr Larin:

"Lo sviluppo del potenziale turistico del Gibuti diventerà il nuovo grande progetto della Cina nel paese dopo l'inizio della costruzione della base militare cinese. Sotto gli occhi degli investitori cinesi è finita la costa della penisola di Ras Siyyan nello stretto di Bāb el-Mandeb. Bab-el-Mandeb in arabo significa "Porta di dolore".

Lo stretto è stato chiamato in questa maniera a causa dei molti pericoli nell'attraversamento di esso. Il Gibuti si trova tra il Mar Rosso e il Golfo di Aden. La spiaggia che la Cina vuole sviluppare si trova a soli 20 km dall'isola yemenita di Perim. Questo paese è un altro potenziale punto di instabilità nella regione. Tuttavia, questo non preoccupa il business cinese. Otto investitori cinesi tre volte l'anno scorso presso il sito hanno studiato il potenziale di investimento della regione.

Ci sono piani per costruire un hotel di lusso. In un'altra parte della penisola verrà costruito l'aeroporto. Poiché vicino al Golfo di Tadjoura giungono gli squali balena durante la stagione riproduttiva, le acque costiere di Gibuti sono uno dei migliori posti al mondo per osservare queste creature del mare.

La Cina è diventata il più grande investitore straniero in Gibuti, anche se ci basi militari americane e francesi. C'è anche un costante viavai di navi da guerra giapponesi. Il governo del Gibuti non ha rivelato le cifre esatte degli investimenti cinesi, anche se l'influenza del capitale cinese è molto evidente.

In particolare, senza finanziamenti della Cina il Gibuti non avrebbe mai potuto permettersi la costruzione di un acquedotto per la fornitura di acqua dall'Etiopia. È stato costruito con la partecipazione cinese per consentire la fornitura di acqua ai residenti locali e ai turisti stranieri. Ad aprile si prevede di completare la costruzione di un porto polifunzionale. Nella sua costruzione le imprese cinesi hanno investito miliardi di dollari. Il porto è collegato con una ferrovia all'Etiopia e quindi alla maggior parte dei paesi dell'Africa orientale. È entrata in funzione nel mese di gennaio di quest'anno ed è in grado di dare effetto economico facilitando l'accesso a molte attrazioni turistiche in Gibuti.

La costruzione della base militare cinese dovrebbe essere completata entro la fine dell'anno. Svolgerà un ruolo importante nella protezione della crescente presenza economica della Cina in Gibuti e in Africa nel suo complesso.

La costruzione di strutture militari è un avvicinamento politico tra i due paesi e significa che il governo del Gibuti sarà favorevole ad un ulteriore aumento di capitale cinese. La presenza della base militare consentirà alla Cina di garantire in modo più affidabile i propri interessi economici nella regione e di ridurre al minimo i rischi. La base militare è una sorta di dispositivo di sicurezza, così come un fattore permanente di implicita pressione politica, in particolare per quanto riguarda gli investimenti cinesi. Il business cinese era già presente lì, e forse, ha superato le attività statunitensi in Africa. Credo che la Cina continuerà a combinare la costruzione militare con gli investimenti, perché ha bisogno di risolvere i problemi geopolitici".

Allo stesso tempo, secondo l'Associated Press, nel corso degli anni è in crescita a livello domestico l'ostilità verso commercianti cinesi esemplificato questa settimana dalla protesta di centinaia di commercianti locali a Kampala. L'Agenzia fa notare che il sindaco di Kampala, Erias Lukwago, ha sostenuto le proteste. Ha detto che il governo dovrebbe proteggere i commercianti locali per prevenire l'escalation delle proteste in un attacco contro i commercianti stranieri.

"Scoppierà probabilmente la xenofobia, se non verranno prese misure per proteggere i commercianti locali" ha detto il sindaco.

Correlati:

Gheddafi è stato ucciso perché si opponeva alle basi militari occidentali in Africa
Per la prima volta paracadutisti russi prendono parte ad esercitazioni militari in Africa
Russia, Rosatom pronta a partecipare a realizzazione reattore di ricerca in Sud Africa
Tra poco tutta l'Africa sarà "made in China"
Tags:
Economia, Investimenti, Base militare, Investimenti in Africa, Gibuti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik