14:42 18 Agosto 2017
Roma+ 29°C
Mosca+ 26°C
    Bandiera della Venezuela

    L'America Latina acquista sempre più armi

    © flickr.com/ Joseph Remedor
    Mondo
    URL abbreviato
    51015150

    L'America Latina aumenta l'acquisto di tecnologia militare, ha detto Carlos Hernández, avvocato venezuelano, specialista in sviluppo economico, coordinatore del portale Infodefensa.com in America Latina.

    Questo fenomeno è stato osservato nei grandi e nei piccoli paesi della regione. "Anche nei paesi più piccoli è cresciuta la spesa per gli investimenti militari. Ad esempio, molto discretamente, anche le spese militari di Cuba negli ultimi anni, che ha stipulato un accordo con la Russia e la Cina. Inoltre il paese ha progetti con il Vietnam per anni 2017-2019".

    Secondo l'esperto la tendenza non vale per paesi come Trinidad e Tobago, dove è in atto un importante programma navale di ristrutturazione. Le Bahamas sviluppano un progetto navale su larga scala. Hernandez ha richiamato l'attenzione sui "grandi investimenti" nell'ambito della difesa dell'Argentina, dell'Uruguay e del Brasile, di Perù e Colombia, sui progetti dell'aeronautica, marina e esercito del Cile. "Nonostante tutte le difficoltà economiche, il Brasile continua a lavorare su grandi programmi, come ad esempio la costruzione del primo sottomarino a propulsione nucleare. Anche il Venezuela, che sopravvive a gravi problemi, ha stabilito un contatto con il ministro della Scienza, della Tecnologia e dell'Industria cinese, in materia di Difesa Nazionale e con i rappresentanti del settore delle armi, dell'elettronica, dell'aeronautica militare e della marina militare".

    Secondo Hernández, Venezuela e Brasile sono in testa nella regione per livello di equipaggiamento militare, seguiti dall'Argentina. L'esperto ha richiamato l'attenzione sul programma militare dell'Uruguay. Anche la Guyana ha iniziato il progetto di trasformazione delle forze armate a causa dei problemi al confine con il Venezuela. "Il presidente della Guyana David Granger, il generale di brigata in pensione, ha guidato le forze armate del paese e ha sviluppato un vasto piano di difesa nazionale" ha detto l'esperto. A suo parere, il progetto di difesa aerea del Venezuela, realizzato con l'assistenza della Russia, è unico nella regione.

    "E' compresa la formazione di otto squadre, dotate di missili a lungo raggio s-300. Inoltre, hanno l'abilità collaudata e aggiornata dell'anti-missile a corto raggio e altri complessi medio raggio. Questa attrezzatura è completa, poi ci sono i radar cinesi. Inizialmente, sono state acquistate 10 unità, ma si prevede la consegna di altri 31 radar. Ecco perché, almeno sulla carta, il sistema venezuelano è il più sviluppato nella regione" ha spiegato.

    Per la marina regione al primo posto c'è il Brasile. "Stanno costruendo nuovi sottomarini, uno dei quali nucleare, è in atto la costruzione di nuove navi pattuglia. Inoltre, essi rafforzano l'aviazione navale" ha detto l'esperto. "Per più di mezzo secolo la Russia prevede di essere presente militarmente nella regione, in particolare nel settore delle attrezzature. Secondo gli esperti, il Venezuela ha acquistato armi per 14-17 miliardi di dollari dal 2005".

    La Cina applica una tattica diversa. "I cinesi stanno scommettendo su una vasta strategia di business: concedono prestiti e danno armi, aerei, attrezzature, materiali della campagna, agiscono così dappertutto: danno, anche se non comprano, e occupano, in questo modo, la posizione sul mercato".

    Correlati:

    America Latina, la Cina incrementerà la cooperazione militare e in chiave anti-terrorismo
    Gli italiani in America Latina temono di non contare più niente a Roma
    Cina, al via il tour in America Latina di Xi Jinping
    Tags:
    armamenti, Armi, America Latina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik