18:59 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
3270
Seguici su

"Mosca aderì fermamente all'embargo internazionale sull'importazione di armi in Croazia", ha detto il portavoce del ministero degli esteri della Federazione Russa Maria Zakharova, commentando la notizia della presunta fornitura di S-300 russi in Croazia durante il conflitto tra il 1991 e 1992.

"Abbiamo sempre rispettato a gli obblighi internazionali circa l'embargo posto dall'Organizzazione delle Nazioni Unite sulle esportazioni di armi alle parti nel conflitto jugoslavo tra il 1991 e il 1995", ha detto in una conferenza stampa mercoledì.

Secondo la Zakharova, "non è un segreto che nei paesi dell'Europa Centrale e Orientale in quel periodo erano presenti un gran numero di armi, munizioni ed equipaggiamento militare di produzione sovietica, nonché delle ex repubbliche dell'Unione Sovietica".

"Per quanto ne sappiamo, dei commercianti croati disonesti hanno usato tali circostanze per rifornire di armi Zagabria. La Russia non ha niente a che fare con questo", ha detto il portavoce del Ministero degli esteri della Russia.

Correlati:

Aereo radioattivo in transito dalla Bielorussia alla Croazia
Presidente della Croazia sospettata di “conflitto d'interessi” per viaggi negli USA
Peskov commenta intenzioni della Serbia di acquistare S-300
Serbia intende comprare gli S-300 russi
Tags:
Armamenti, Export, S-300, armamenti, corsa agli armamenti, Ministero degli Esteri, Maria Zakharova, Croazia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook