23:07 24 Febbraio 2018
Roma+ 9°C
Mosca-14°C
    Madre di tutte le bombe (MOAB)

    Sceriffo americano propone di usare la "superbomba" in Messico contro i narcos

    © YouTube/JustInfortheTruth
    Mondo
    URL abbreviato
    1959

    Lo sceriffo della contea di Butler (Ohio) Richard Jones ha lanciato un appello per usare la “madre di tutte le bombe” nella lotta contro i cartelli della droga messicani.

    Giovedì scorso gli Stati Uniti per la prima volta hanno usato la superbomba GBU-43 in Afghanistan contro i combattenti dell'ISIS.

    "Lo dico da 10 anni. Quando è troppo è troppo. La madre di tutte le bombe può essere utilizzata contro i cartelli della droga in Messico", — ha twittato Jones. La contea di Butler si trova a migliaia di chilometri dal confine col Messico.

    ​Il canale Univision rileva che lo sceriffo Jones è un convinto sostenitore del presidente Donald Trump e non per la prima volta rilascia dichiarazioni anti-messicane.

    Nel 2014 aveva inviato una lettera al capo di Stato del Messico, presentando un conto da 900mila dollari per compensare il costo della lotta delle forze dell'ordine americane contro la criminalità di origine messicana.

     

    Correlati:

    Ex 007 Snowden rivela cosa ha colpito in realtà la "superbomba" USA in Afghanistan
    Afghanistan, per terroristi dell'ISIS nessuna vittima nella superbomba USA
    Afghanistan, Usa valutano effetti super bomba sganciata contro Isis
    Duterte: nella lotta alla droga non mi importa dei diritti umani
    Filippine, Duterte annuncia il sostegno di Trump alla sua guerra contro la droga
    Tags:
    Criminalità, Droga, Società, Polizia, Sceriffo Richard Jones, Donald Trump, Messico, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik