01:53 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
240
Seguici su

Il tribunale ha confermato l’arresto del cittadino russo Dzhamalali Gadzhiev fermato la scorsa settimana al confine con la Sira con un chilo e mezzo di esplosivo, due granate e una cintura esplosiva. Lo riferisce l’agenzia Anadolu.

Il ventinovenne di origini cecene è stato fermato dalle forze di sicurezza turche nei pressi del villaggio di Inanli mentre cercava di entrare illegalemente in Turchia attraversando il confine turco-siriano servendosi di un passaggio scavato sotto il muro di cemento costruito sulla frontiera. Insieme a Gadzhiev sono stati fermati 17 siriani: 9 uomini, 4 donne e 4 bambini.

Nel corso dell'interrogatorio si è scoperto che Gadzhiev due anni fa si era arruolato nell'ISIS, ma dopo il ferimento nel corso di uno scontro con le forze governative aveva deciso di abbandonare la Siria.

Gadzhiev è accusato di associazione ad organizzazione terroristica e non si esclude che volesse introdursi in Turchia con l'intenzione di commettere un attentato.

Correlati:

Turchia, completata la costruzione di un altro segmento del muro sul confine con la Siria
Turchia accusa Russia di non far nulla in Siria per la tregua: “basta sostenere Assad”
Turchia, Erdogan esulta per l’attacco americano in Siria: speriamo ce ne siano altri
Tags:
confine, esplosivo, Terrorismo, Arresto, ISIS, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook