17:56 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
301
Seguici su

L'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) denuncia la compravendita di esseri umani a Sabha, nel sud-ovest della Libia, dove si trattano i migranti e i rifugiati che si aspettano di raggiungere l'Europa attraverso il Mar Mediterraneo.

"I migranti dal sud del Sahara sono comprati e venduti dai libici, con il sostegno di ganesi e nigeriani che lavorano per loro", ha detto il portavoce della IOM Joel Millman.

Attualmente la IOM sta raccogliendo informazioni da migranti che sono tornati dalla Libia attraverso i centri di transito a Niamey e Agadez in Nigeria.

"Negli ultimi giorni ho parlato con diversi rifugiati… Tutti hanno confermato che c'è il rischio di essere venduto come schiavo nelle piazze e nei garage di Sabha. Gli abitanti comprano i migranti per diversi lavori in città, di solito come muratori, e poi li rivendono a nuovi clienti. Alcuni migranti, per lo più originari di Nigeria, Ghana e Gambia, sono costretti a lavorare come rapitori, schiavisti o come guardiani nelle case", ha spiegato Millman.

Correlati:

Vice assistente di Trump ha proposto di dividere la Libia in 3 parti
Media: sospesa la produzione di petrolio nel più grande giacimento della Libia
Ue sostiene partecipazione del generale Khalifa Haftar a risoluzione per la pace in Libia
Tags:
rifugiati, mercato, Profughi, Schiavitù, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook