14:56 20 Settembre 2017
Roma+ 18°C
Mosca+ 16°C
    Sostenitrice di Donald Trump durante cerimonia di insediamento alla Casa Bianca

    Delusione e rabbia tra i sostenitori di Trump dopo il bombardamento in Siria

    © Sputnik. Владимир Астапкович
    Mondo
    URL abbreviato
    393059674

    I più convinti sostenitori di Trump si allontanano dal presidente americano dopo il suo via libera al bombardamento di una base militare siriana.

    Molti dei più celebri sostenitori di Donald Trump si allontanano dal presidente americano dopo che ha preso la decisione di compiere un raid in Siria contro le forze governative.

    ​Dopo un cambio di linea repentino e radicale rispetto al suo punto di vista precedente, Donald Trump ha ordinato agli Stati Uniti di lanciare missili in risposta all'attacco con armi chimiche. E' un'azione di rottura rispetto alle sue dichiarazioni durante la campagna elettorale, soprattutto è un tradimento al suo slogan "America First" e alla promessa di finirla con le ingerenze americane negli altri Paesi del mondo.

    ​Con questa decisione Trump ha indotto molti dei suoi sostenitori della prima ora a rendere pubblica la propria insofferenza, dichiarando apertamente che non lo avrebbero più sostenuto e votato. Molti lo hanno accusato di realizzare la stessa politica che avrebbe condotto Hillary Clinton, altri ipotizzano che abbia mentito o che qualcun altro nella sua amministrazione abbia preso effettivamente la decisione sul raid in Siria.

    "Penso che Trump non sia mai stato il "pupazzo di Putin", era solo il burattino dei neocon americani, — ha scritto Paul Joseph Watson, un videobloger inglese che lavora sul portale "Infowars" di Alex Jones. — Ufficialmente non sono più un suo sostenitore".

    Al suo posto Watson ha detto di guardare con attenzione alla destra di Marine Le Pen, che dice di aver cercato "di mettere in guardia Trump da questo disastro." Ha quindi inviato un tweet direttamente a Trump, affermando che "gli americani non le hanno votato per perseguire la politica estera fallimentare di Hillary", inserendo un link ad uno dei discorsi della Clinton.

    ​Anche Cassandra Fairbanks, nota sostenitrice di Trump e blogger, ha dichiarato che potrebbe smettere di sostenere Trump. Ha detto che "cerca di tenere accesa una speranza, anche "se è difficile."

    ​"Sono molto delusa — ha scritto. — Questa non è la persona per cui l'abbiamo votato".

    Molti altri utenti di Twitter meno noti hanno criticato Trump per essersi schierato contro l'interventismo del passato a cui ora ambisce. Hanno ipotizzato che Trump è di fatto una pedina dello "Stato occulto", non il nemico dell'establishment come si era presentato durante la campagna elettorale.

    ​Nei vecchi tweet Trump aveva scritto che, a suo parere, bombardare la Siria è un passo che avrebbe fatto un presidente senza popolarità. Diceva che Obama valutava la possibilità di condurre raid perchè i sondaggi mostravano poco gradimento tra gli americani.

    L'attacco contro la base aerea siriana ha spiazzato i sostenitori di Donald Trump negli Stati Uniti, ha dichiarato a Fox News il conduttore radiofonico Mike Gallagher. Durante la campagna elettorale, Trump aveva criticato il rovesciamento dei governi di altri Paesi.

    "Non per questo l'abbiamo votato," — ha detto in una trasmissione su Fox News commentando il raid americano in Siria.

    Correlati:

    Attacco USA in Siria, Medvedev: Trump asservito all’establishment di Washington
    Attacco alla Siria, comanda davvero Trump negli USA?
    Hillary Clinton plaude decisione di Trump: "distruggere forze aeree di Assad"
    Trump annuncia cambio di linea su Assad dopo l'attacco chimico ad Idlib
    Reazione di Putin al raid americano in Siria: “aggressione contro Stato sovrano”
    Tags:
    Politica Internazionale, Società, Occidente, crisi in Siria, Casa Bianca, Fox News, Pentagono, Donald Trump, Hillary Clinton, Gran Bretagna, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik