02:09 13 Dicembre 2018
Michael Flynn, consigliere della Casa Bianca dimessosi per contatti con l'ambasciatore russo

NYT: ex consigliere Trump, Flynn rivela dettagli del proprio reddito

© REUTERS / Carlos Barria
Mondo
URL abbreviato
0 01

L’ex consigliere di Trump per la sicurezza nazionale, Michael Flynn ha rivelato le informazioni dei suoi proventi pari a 1,3 milioni di dollari, ottenuti dal 2014 per il lavoro in aziende tecnologiche, da gruppi politici, ma anche per i discorsi, scrive il quotidiano New York Times.

Secondo i dati delle fonti del Washington Post, la prima versione del documento è una bozza, che deve passare attraverso la normale procedura di controllo e approvazione. Questo processo è stato sospeso a causa delle dimissioni di Flynn. In seguito i membri della Casa Bianca hanno chiesto di terminare le procedure e di specificare tutte le organizzazioni che hanno pagato per i suoi discorsi.

Come specifica il Washington Post, tra le fonti dei suoi proventi ci sono il canale RT, una compagnia aerea americana che fa parte della società "Volga-Dnepr", e anche una compagnia americana controllata dal "Kaspersky Lab".

Flynn si è dimesso dopo che la stampa ha iniziato a supporre che egli abbia disinformato il vice presidente USA Mike Pence e altri rappresentanti dell'amministrazione riguardo le sue relazioni con l'ambasciatore Sergey Kislyakov. A Flynn sono stati anche mosse accuse riguardo delle attività di lobby nell'interesse della Turchia, dalla quale la sua azienda ha ricevuto 500 mila dollari.

La Russia ha definito diverse volte infondate le accuse di ingerenza nelle elezioni dei servizi segreti americani. Anche la Casa Bianca ha negato queste accuse.

Correlati:

Russiagate, senatori USA dicono no all'immunità per Flynn
Caso Flynn e rapporti con Russia, per Trump è caccia alle streghe
Usa, Flynn vuole testimoniare su indagine ma chiede l’immunità
Tags:
Politica, Diplomazia Internazionale, Dimissioni, Scandalo, Denaro, Scandalo, Governo USA, Michael Flynn, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik