18:01 25 Maggio 2019
Raid a Mosul (foto d'archivio)

Coalizione USA riconosce la morte di 396 civili tra Siria e Iraq durante i raid

© REUTERS / Air Jalal
Mondo
URL abbreviato
315

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha riconosciuto la morte di almeno 396 civili a seguito dei suoi attacchi aerei in Siria e in Iraq dall'inizio della operazione antiterrorismo. E' stato riferito dal comando centrale delle forze armate statunitensi.

In particolare la coalizione ha riconosciuto credibili 5 notizie relative alle vittime civili nei due Paesi mediorientali a febbraio. Inoltre la coalizione ha valutato 37 notizie relative all'assalto di Mosul, giunti dall'inizio delle operazioni militari nella città irachena da ottobre 2016 fino alla liberazione della parte orientale della città il 18 febbraio. Solo 15 sono giudicati credibili.

Si osserva che da agosto 2014 al febbraio 2017 le forze della coalizione hanno compiuto in Medio Oriente oltre 18.600 raid.

In precedenza il quartier generale della coalizione aveva riferito che nei bombardamenti degli alleati erano rimasti uccisi 118 civili tra siriani ed iracheni. In Siria l'operazioni anti-terrorismo contro lo "Stato Islamico" viene implementata senza l'autorizzazione delle autorità legittime di questo Paese.

Correlati:

La coalizione internazionale è consapevole delle vittime civili dei suoi bombardamenti
Gli attacchi della coalizione alla diga sul fiume Eufrate minacciano catastrofe naturale
Decine di vittime civili in un raid ad ovest di Raqqa: sospetti su coalizione USA
Siria, raid della Coalizione internazionale fa strage di civili
Zakharova: coalizione a Mosul mette in pericolo i civili
Russia preoccupata da silenzio in Occidente su attacchi con armi chimiche di ISIS a Mosul
Tags:
ISIS, Occidente, Terrorismo, Raid aerei in Medio Oriente, crisi in Siria, Coalizione USA anti ISIS, USA, Mosul, Siria, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik