23:34 18 Agosto 2018
Richard Mclaren alla WADA

Risultati di quattro atleti russi alle Olimpiadi 2012 annullati per doping

© REUTERS / Neil Hall
Mondo
URL abbreviato
239

Il Comitato Olimpico Internazionale ha annullato i risultati di quattro atleti russi ai giochi olimpici del 2012 a Londra, comunica il sito ufficiale dell’organizzazione.

Si tratta del pesista Hajimurat Akkaev, il quale s'infortunò e si ritirò dalla gara, il concorrente di atletica leggera Victoria Valyukevich, arrivata ottava al salto triplo, e anche le atlete nel lancio del martello Mariya Bespalova e Gulfiya Khanafeyeva, le quali hanno occupato rispettivamente l'undicesimo e il sedicesimo posto.

La decisione delle sanzioni contro i russi è stata presa dopo un ricontrollo dei campioni effettuato dopo la relazione della commissione indipendente del World Anti-Doping Agency sotto la guida di Richard McLaren. Le analisi dei quattro atleti hanno dato risultati positivi al Turinabol. A novembre 2016 il Comitato aveva già privato Akkaev della medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Pechino 2008 nella categoria fino a 94 kg dopo che l'atleta è risultato positivo a questa sostanza.

Il Comitato Olimpico Internazionale dopo i ricontrolli dei risultati ha privato la Russia di otto medaglie dei giochi olimpici del 2008 e 13 medaglie a quelli di Londra. Inoltre a causa delle violazioni delle regole anti-doping, non legate ai ricontrolli, la squadra è stata privata di ulteriori quattro medaglie vinte a Londra.

Correlati:

Il nazionalismo potrebbe danneggiare l’immagine del Giappone per le prossime olimpiadi
Olimpiadi, ministro russo: in Corea replicheremo risultati Sochi 2014
Comitato Olimpico Germania esorta alla sospensione della Russia alle prossime Olimpiadi
Deputato russo augura a WADA di riuscire a raccogliere dati sul doping
Doping, CIO: per WADA insufficienti le prove di colpevolezza dei russi nel dossier McLaren
Tags:
sport, giochi olimpici, sport, Caso doping, WADA, Comitato Olimpico, Richard McLaren, Mondo, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik