Widgets Magazine
15:48 23 Ottobre 2019
caviale nero

Il Giappone sfida la Russia nella produzione di caviale nero

© Foto : JAPAN CAVIAR, Inc.
Mondo
URL abbreviato
0 110
Seguici su

Quando si parla di caviale nero tutti pensano alla Russia, anche se è possibile trovare caviale proveniente da Arabia Saudita, Israele, Iran e altri paesi. Recentemente a questi si è unito anche il Giappone che l'8 marzo ha iniziato a esportare caviale nero a Hong Kong.

I primi storioni sono stati introdotti in Giappone dall'URSS nel 1983. I sovietici allora non hanno rivelato molte informazioni sull'allevamento dello storione e i giapponesi sono stati costretti a fare un lungo e arduo lavoro di ricerca. Solo nel 2004 il Giappone è riuscito ad allevare con successo la prima generazione di storione bianco. Infine nel 2013 è entrato in commercio il caviale "Miyazaki", dal nome della prefettura dov'è situato l'allevamento e l'azienda che lo produce: la "Japan Caviar".

"Abbiamo imparato ad allevare storioni in Russia, ma a causa delle differenze ambientali tra la Russia e la prefettura di Miyazaki siamo dovuti partire da zero per creare le condizioni di coltura artificiale in Giappone", ha detto a Sputnik l'azionista di maggioranza della "Japan Caviar" Sakamoto Motoo.

L'azionista di maggioranza della Japan Caviar Sakamoto Motoo
© Foto : JAPAN CAVIAR, Inc.
L'azionista di maggioranza della "Japan Caviar" Sakamoto Motoo

Gli allevamenti di pesci della prefettura di Miyazaki hanno deciso di unire le forze e creare un unico marchio. Questo ha permesso di aumentare la produzione di caviale dopo la crescita della domanda e mantenere alta la sua qualità. Gli allevatori ricevono reale sostegno dalle autorità della prefettura.

Correlati:

La Russia spera che il Giappone si unisca alla ricostruzione della Siria
Russia-Giappone: Lavrov: rilanciare nostra cooperazione su sicurezza
Russia-Giappone, incontro dei ministri Esteri e Difesa, anticipata visita Abe a Mosca
Tags:
caviale, esportazione, concorrenza, Produzione, mercato, Giappone, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik