04:11 22 Aprile 2019
Popolarità della Russia nel Balcani

L’Europa ha aperto alla Russia la strada per i Balcani

© AP Photo /
Mondo
URL abbreviato
18222

L’Europa ha abbandonato i Balcani aprendo così la strada all’influenza della Russia. Lo scrive l’editorialista del quotidiano “Die Zeit” Teo Zommer.

Dalla fine della guerra nei Balcani, la NATO, l'UE e l'ONU hanno posto in Bosnia, Kosovo e Macedonia decine di migliaia di soldati. Malgrado da un quarto di secolo alti funzionari e rappresentanti speciali dell'UE stanno lottando per ottenere la stabilizzazione della situazione nella regione, afferma Zommer, tutti gli sforzi sono stati vani. La politica ha dimenticato i Balcani.

Per molto tempo l'Europa ha caldeggiato la prospettiva dell'adesione all'UE dei principali attori regionali. Ma l'attrazione europea ha perso, la sua forza e l'Europa ha lasciato i Balani in balia dei loro vecchi problemi: nazionalismo, rivendicazioni territoriali e follia etnica.

"Con la democratizzazione dei Balcani occidentali la situazione non è migliorata. Ciò non è legato alla disastrosa situazione economica della regione. È uno dei motivi che hanno stillato preoccupazione e il secondo è legato alla geopolitica, più precisamente con l'opposizione delle potenze esterne ad aprire i confini dell'Europa", sostiene Zommer.

Il giornalista crede che l'allontanamento dell'Europa dai Balcani sta aprendo la strada alla Russia, che sta cercando di ripristinare la sua infuenza soprattutto nei paesi ortodossi.

"In Serbia, con la quale la Russia ha concluso una partnership strategica, i russi prendono parte ad esercitazioni militari vicino al confine con la Croazia. In Bulgaria e Macedonia sta crescendo la condiscendenza nei confronti del Cremlino. Molto lascia pensare che ci siano i russi dietro il tentativo di colpo di stato in Montenegro. I mezzi di propaganda di Mosca, come Sputnik e Russia Today, stanno guadagnando popolarità", scrive Zommer.

Intanto l'Europa preferisce concentrarsi sui Paesi Baltici e l'Ucraina e non investe abbastanza nei Balcani per evitare che si trasformino un'altra volta in una polveriera.

Correlati:

Financial Times consiglia a USA e UE di aspettarsi la Russia nei Balcani, non nel Baltico
Theresa May promette di difendere i Balcani dall'aggressione russa al vertice UE
Vienna propone di creare centri di accoglienza per profughi in Georgia e nei Balcani
Tags:
influenza, nazionalismo, Problemi, politica, geopolitica, Balcani, Europa, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik