01:01 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
4200
Seguici su

Mosca ha richiesto un briefing speciale al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a causa degli attacchi aerei degli USA nella città irachena di Mosul, che hanno causato la morte di centinaia di civili.

Lo ha riferito il ministro degli Esteri russo Serghej Lavrov, aggiungendo che il Consiglio di Sicurezza difficilmente saprà "pronunciarsi su quello che è successo con una sola voce". "Ma noi poniamo le domande, facciamo sentire i nostri appelli, naturalmente, terremo la situazione sotto il più stretto controllo" ha detto dopo i colloqui con il collega italiano Angelino Alfano. Il ministro si è mostrato sorpreso per il bombardamento di Mosul che è durato più di un'ora. "Se in poche ore non è possibile sincerarsi di aver colpito gli obiettivi preposti, quello che per me risulta molto strano, è vedere le azioni dei militari americani, che possiedono tutte le attrezzature necessarie" ha detto Lavrov.

Allo stesso tempo, Lavoro ha espresso la speranza che la città possa essere liberata dai terroristi, invitando la coalizione internazionale ad agire in maniera più "corretta".

Questa settimana i media iracheni hanno riferito che le vittime dei bombardamenti ad ovest di Mosul, il 17 marzo scorso, hanno ucciso più di 200 persone. Gli attacchi aerei dell'aeronautica militare della coalizione internazionale guidata dagli USA stanno conducendo queste operazioni contro l'ISIS. La coalizione ha avviato un'indagine sulla morte dei civili, ma questa informazione non è ancora ufficialmente confermata.

 

Correlati:

ONU lancia l'allarme per afflusso di profughi "ingestibile" da Mosul
A Mosul liquidati sei capofila dell'ISIS, tra cui un cittadino russo
La coalizione "intrappola" i guerriglieri, precludendo l'ultima strada a Mosul
Tags:
Attacco, Attacco, Guerra, liberazione di Mosul, Sergej Lavrov, Mosul
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook