02:44 06 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
50513
Seguici su

Il portavoce Dmitry Peskov sulla manifestazione che ha portato all’arresto del leader dell’opposizione Navalny.

Il Cremlino rispetta il diritto del popolo di esprimere la propria posizione civile, ma non di quelli che provocano azioni illegali. Così il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, in merito alla manifestazione non autorizzata che si è svolta ieri a Mosca e che si è conclusa con l'arresto di 600 persone fra cui il leader dell'opposizione Alexey Navalny.

"Il Cremlino rispetta la posizione civile del popolo e rispetta il diritto di esprimerla e tratta con rispetto quei casi in cui viene espressa nel formato previsto dalla normativa vigente e in quei luoghi concordati in conformità con le nostre leggi", ha detto Peskov ai giornalisti.

"Non possiamo mostrare lo stesso rispetto verso coloro che consapevolmente inducono in errore le persone e verso chi lo ha fatto ieri, provocando azioni illegali, ingannando i minori e deliberatamente incoraggiandoli a partecipare ad un'azione coordinata esponendo al pericolo la sicurezza e anche la vita di questi minori", ha sottolineato il portavoce del Cremlino.

Correlati:

“Putin guarda compiaciuto le risse da Far West nella politica americana”
L’accoglienza dei rifugiati migliorerebbe la reputazione politica della Russia
Russia pronta a collaborare con l’Occidente se abbandonerà la politica del contenimento
Tags:
politica interna, Arresto, politica, Manifestazione, Cremlino, Alexey Navalny, Dmitry Peskov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook