14:02 23 Agosto 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 22°C
    Donald Trump

    Parlamento russo discute effetti di nuove sanzioni antirusse imposte da USA

    © REUTERS/ Joshua Roberts
    Mondo
    URL abbreviato
    141194142

    L’imposizione delle nuove sanzioni USA contro le aziende russe significa che la linea politica antirussa di Washington dopo l’insediamento di Donald Trump come presidente continua ha dichiarato il primo vice-presidente del Comitato della Duma per gli affari esteri Dmitry Novikov.

    In precedenza il rappresentante del dipartimento di stato ha comunicato a RIA Novosti che gli USA hanno imposto delle sanzioni contro 8 compagnie russe in relazione con la legge statunitense sulla non proliferazione di armi di distruzione di massa, riguardanti la Siria, l'Iran e la Corea del Nord.

    "L'occidente agisce nell'ambito della linea antirussa, e questo dimostra che la volontà di Trump, di voler migliorare i rapporti con la Russia ancora non si è realizzata" ha dichiarato Novikov a RIA Novosti.

    Il rappresentante ufficiale del Ministero degli esteri Maria Zakharova ha dichiarato che le nuove sanzioni USA in relazione alle compagnie non delle aziende russe non sono legate con le dichiarazioni di Washington circa la priorità della lotta al terrorismo, e di conseguenza minano le prospettive di interazione per sconfiggere lo Stato Islamico e gli altri gruppi terroristici che minacciano tutti i paesi, compresi gli USA.

    La Zakharova ha osservato che la decisione USA è sconcertante e deludente, tuttavia questo non causa nessun problema serio per la Russia.

    Correlati:

    USA impongono sanzioni contro 8 società russe
    Tre russi su quattro sostengono le sanzioni di risposta contro l'Occidente
    Mogherini: priorità è lavorare con Usa per coordinare sanzioni contro Mosca
    Kiev ha minacciato di imporre sanzioni contro politici europei in visita in Crimea
    Tags:
    Politica Internazionale, Sanzioni, Sanzioni alla Russia, Duma, Parlamento, Maria Zakharova, Donald Trump, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik