06:19 27 Maggio 2017
    La bandiera tedesca

    Il capo dell' intelligence tedesca: la Russia è una minaccia reale, non solo virtuale

    © flickr.com/ Trine Juel
    Mondo
    URL abbreviato
    16973228

    Vladimir Putin cercherà di influenzare il corso delle elezioni legislative tedesche con l'obiettivo di sovvertire la politica delle sanzioni della Germania, ha detto in un'intervista a Der Spiegel, il capo del servizio di intelligence federale Bruno Kal.

    La Russia non è solo una virtuale minaccia per gli attacchi informatici e la disinformazione sui social network, ma è anche molto reale, militare, perché, come dice Kal, Mosca ha raddoppiato la sua potenza di combattimento al confine con l'Europa.

    In un'intervista a Der Spiegel, il capo del servizio di intelligence avverte di un possibile intervento della Russia durante le elezioni al Bundestag. "Abbiamo osservato una cosa simile non solo in Germania, ma anche in altre regioni d'Europa, dove presto si terranno le elezioni" ha detto. L'obiettivo di Putin non è cambiato: il governo tedesco, dopo il cambio di potere negli USA e la Brexit, continua a svolgere un ruolo attivo per le sanzioni contro la Russia. Putin vuole davvero cambiare queste cose. Quindi, compirà gli sforzi necessari per l'elezione al Bundestag che portino questo tipo di cambiamenti".

    Kal ha parlato di fake news che i media russi diffondono sui social network, che provocano ondate di indignazione tra i cittadini della Germania. "Abbiamo già sperimentato questo modello" ha detto il capo dell'intelligence. "Smascherandolo, ovviamente, speriamo che serva da monito per i russi. Perché Putin non vuole essere preso con le mani nel sacco".

    "La Russia ha tre principali cori di propaganda: il canale tv Russia Today, il sito Sputnik e la piattaforma di WikiLeaks, che si occupa di rivelazioni" ha detto Kal. Presumibilmente secondo lui c'è motivo di sospettare la Russia di attacco ai server del Bundestag tedesco. 

    Il capo dell'intelligence federale ritiene che la più grande minaccia venga dal terrorismo e non dalla Russia. "Nella mia lista di minacce il terrorismo ha la prima posizione, il terrorismo provoca nella popolazione grande preoccupazione. Come  servizio dobbiamo mostrare risultati contro il terrorismo". Kal ha anche sottolineato che la minaccia è diventata "più reale": "Quindi trattiamo tutto seriamente. Non solo la propaganda è una minaccia. All'ordine del giorno ci sono questioni tradizionalmente normali, questioni rilevanti per il settore militare e armamenti".

    "La Russia ha raddoppiato la sua potenza di combattimento sul confine occidentale" ha detto il capo dei servizi segreti e "non solo per i missili Iskander. In Crimea c'è un gran numero di veicoli aerei e truppe. Tutto questo non può essere definito attività di carattere difensivo, rivolta contro l'Occidente. Questo dovrebbe essere visto come una potenziale minaccia".

    Correlati:

    Der Spiegel: Germania teme doppio gioco della Turchia
    Der Spiegel: Germania non vuole missili USA in Europa
    L’intelligence dei Paesi Baltici tampina i dipendenti di Sputnik
    Peskov definisce inaffidabile rapporto intelligence USA sulla Russia
    Tags:
    Minacce, minaccia, Servizi Segreti, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik