19:11 23 Marzo 2017
    Bambini a scuola

    Paesi Bassi, nelle scuole si potranno usare lingue native dei bambini migranti

    © AFP 2017/ JONATHAN NACKSTRAND
    Mondo
    URL abbreviato
    924706

    Paesi Bassi, nelle scuole si potranno usare lingue native dei bambini migranti.

    Le scuole elementari dei Paesi Bassi sono incoraggiate ad utilizzare le lingue native dei bambini migranti nel processo educativo. Lo ha detto ai media locali Maaike Hajer, docente di didattica del linguaggio e autore dell'orientamento espresso dal ministero dell'Istruzione.

    Hajer ha aggiunto che le scuole potrebbero assumere più insegnanti multilingue o semplicemente permettere ai bambini di spiegare gli argomenti nella loro lingua madre. Altre opzioni prevedono di utilizzare Google Translate o di coinvolgere i genitori.

    Il nuovo approccio si differenzia dall'apprendimento immersivo sostenuto nei Paesi Bassi negli ultimi due decenni.    

    Correlati:

    I militari americani imparano il russo con l'abbecedario dei bambini
    Tags:
    Bambini, scuola, Crisi dei migranti, Paesi Bassi
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • A.Martino
      Si prenda atto che, la settimana scorsa, nei Paesi Bassi si è tenuto un referendum per l'eutanasia della nazione olandese e la maggioranza ha con entusiasmo votato "Sì".
      Auguri al reuccio dei tulipani.
    • straker
      Oppure si fanno le scuole internazionali e i figli degli immigrati vanno lì a studiare.
      Nelle scuole pubbliche nazionali si studia solo con la lingua della nazione.
      Se uno straniero vuole diventare cittadino di un paese deve perdere tutte le sue peculiarità di provenienza e assumere quelle del nuovo.
      Altrimenti rimane avulso e, visto che non gli è permesso creare un proprio Stato nello stato ospite, non gli rimane altra strada che tornare da dove è venuto.
      Figli compresi.
    • avatar
      msan.mr
      Un'altra "stronzata" da appendere all'Albero della Stupidità:

      Siamo oramai alla Pasqua della degenerazione di una non-generazione, di una genìa di mutanti che non riesce ancora a nascere alla vita e alla dimensione di umano.

      Umanoidi, bipedi, dal cervello affumicato come certe salsicce di carne di maiale, androidi che non riescono ad essere neanche "trans", perché stare tra il nulla e il nulla è come il "non-essere".

      E come può essere ciò che non è?

      Io non posso sprecare altre parole, perché rischierei di passare per scemo còlto a parlare con il nulla!

      Ma in che epoca siamo?

      Siamo in Nessuna epoca, perché Nulla esiste e dunque Nullo è anche il suo tempo!!
      Come un pianeta senza abitanti, come Polifemo accecato da Nessuno e dunque Nulla accade e Nulla può accadere.

      Non ci spreco altre parole, perché veramente nella fossa io ci metto le salme dei finti uomini, a cui le parole non servono, perché sono comunque espressioni di vita!
    • avatar
      roby.zanella
      ha perso Wilders e quindi si festeggia ....
    Mostra nuovi commenti (0)