23:07 22 Marzo 2017
    Russia Day celebrations in Moscow

    Russia: sette punti in più nella classifica dei paesi più felici

    © Sputnik. Sergey Kuznecov
    Mondo
    URL abbreviato
    8995181

    La Norvegia è al primo posto nella classifica annuale del World Happiness Report 2016, stilata dall'Istituto Terra della Columbia University.

    I paesi più felici al mondo secondo gli esperti sono: Danimarca, che ha perso il primato, Islanda, Svizzera, Finlandia, Paesi Bassi, Canada, Nuova Zelanda, Australia e Svezia. Non rientrano nella top ten USA, al 14° posto, Germania al 16°, Gran Bretagna al 19°, Francia al 31° e Arabia Saudita al 37°.

    La Russia nel 2016 è salita di sette posizioni, piazzandosi al 49° posto. Prima ci sono Italia al 48° e Uzbekistan al 47°, poi Belize e Giappone, al 50° e 51°. I paesi più infelici sono Repubblica Centrafricana al 155° posto, Burundi al 154° posto, Tanzania, la Siria al 152° posto, Ruanda e Togo. Il rapporto è stato redatto su richiesta delle Nazioni Unite.

    Correlati:

    Putin rivela cosa lo rende felice nella vita
    Le sanzioni antirusse minacciano la "felicità economica" della UE
    Giornata Mondiale della Felicità, ma l'Italia non è più culla della dolce vita
    Tags:
    felicità, felicità, Sondaggi, Mondo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • gianus
      Assurdo inseguire su questa strada l'occidente, il rischio è di fare la stessa fine inseguendo stupidi modelli statistici basati sul nulla.
    • avatar
      nicomarzi
      Hai ragione
      Poi una università americana e ONU coinvolti! Certo USA non è ai primi posti ma non sarà troppo alto il posto che occupa? E come è distribuito il sondaggio? Quasi tutto in California e quasi niente nella "rusty Belt"?Ai primi posti a parte la Svizzera, paesi scandinavi, ma non erano quei paesi con alta percentuale di suicidi rispetto alla popolazione?
      Quello che mi fa in...re è il posto del paese medieval-teocratico dove i pochi autoctoni che si godono i petrodollari vivono alle spalle degli immigrati che li servono in tutto come schiavi, per non parlare delle guerre che fomenta il succitato stato verso gli altri. Ma non va a detrimento della classifica questo comportamento guerrafondaio? Certo i cittadini del paese così "amichevole" stanno bene a casa loro anche se il loro governo fa guerra agli altri o se usa la decapitazione nel suo sistema penale. Ma la misura è colma quando mi citano la Siria agli ultimi posti non perchè non sia vero ma, immagino, senza spiegare che questa situazione è stata creata dal paese a cui appartiene questa università del menga. Vergognati Columbia University, vergognati ONU!
    • Стефан Царь Tоварищ
      Mi sembra una gran boiata
    • avatar
      maurizio.innocenti8
      Si tratta di classifica che lascia il tempo che trova.
      Come quasi tutte le classifiche che vengono pubblicate dai media.
    Mostra nuovi commenti (0)