00:06 18 Novembre 2017
Roma+ 10°C
Mosca+ 2°C
    Cina USA

    Pechino esorta Washington a riprendere i negoziati con la Corea del Nord

    © AP Photo/ Andy Wong
    Mondo
    URL abbreviato
    0 686131

    Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha esortato gli USA alla ripresa dei negoziati ‘a sei’ con la Corea del Nord, sottolineando che il nocciolo del problema è il contrasto tra Washington e Pyongyang. Il ministro ne ha parlato in una conferenza stampa a margine dell’incontro con il segretario di Stato americano Rex Tillerson.

    «Vorrei sottolineare che oltre alle sanzioni sempre più severe previste da tutte le risoluzioni delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord, si sono pure create le condizioni per la ripresa dei colloqui a sei sulla de-escalation della situazione e per garantire la stabilità della penisola. È dovere di tutti i Paesi applicare le sanzioni e allo stesso tempo riprendere i negoziati», ha detto Wang.

    Il ministro ha notato che la situazione attuale nella penisola coreana è il diretto risultato della sospensione dei colloqui ‘a sei', hanno cessato di esistere quando i mezzi per il dialogo diplomatico e politico. Wang ha spiegato che l'essenza delle tensioni coreane risiede nel contrasto tra Washington e Pyongyang, e la Cina sta dando un «enorme contributo» per la ricerca di una soluzione al problema e garantire le condizioni per un dialogo tra USA e Corea del Nord. Pechino — ha continuato il ministro — si manterrà in stretto contatto con Washington su questo tema, vista l'intesa già esistente sulla denuclearizzazione della penisola coreana e la necessità di risolvere il problema per via diplomatica.

    Correlati:

    Corea del Nord, Tillerson: La nostra pazienza strategica è finita
    Corea del Nord, Usa non parteciperanno a colloqui a sei sul nucleare
    Il Giappone rafforzerà le sanzioni contro la Corea del Nord
    Tags:
    stabilità, Negoziati, ripresa, Sanzioni, invito, Diplomazia, situazione nella penisola coreana, Rex Tillerson, Corea del Nord, USA, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik